Come avviene il calcolo delle 400 giornate nel Contratto intermittente?

Come avviene il calcolo delle 400 giornate nel Contratto intermittente?
image_pdfimage_print

La circolare del Ministero del Lavoro n. 35/2013 evidenzia che “il ricorso a prestazioni di lavoro intermittente è ammesso, per ciascun lavoratore con il medesimo datore di lavoro, per un massimo di 400 giornate di effettivo lavoro “nell’arco di tre anni solari. Ne consegue che il conteggio delle prestazioni dovrà essere effettuato, a partire dal giorno in cui si chiede la prestazione, a ritroso di 3 anni…”

In definitiva, si tratta di periodo mobile, che includerà tutte le giornate di lavoro (a prescindere dall’orario osservato) a partire dal giorno in cui si chiede la prestazione, a ritroso di 3 anni.

Detto limite non si applica ai settori del turismo, dei pubblici esercizi e dello spettacolo.

Ricordo, infine, che l’eventuale superamento delle 400 giornate produrrà la trasformazione del rapporto a tempo pieno ed indeterminato.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 450 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Cambierà qualcosa con la Naspi ?

La Nuova Aspi ( Naspi )è prevista da un decreto applicativo del c.d. Jobs Act (Legge n. 183/2014), di prossima pubblicazione in gazzetta ufficiale. Dovrebbe essere operativo dal mese di maggio

Un dipendente e’stato assunto il 21/10/2013 con contratto a tempo det. Per 3 mesi ( contratto acausale ), il 21/01/2014 tale contratto viene prorogato fino al 20/04/2014. Puo’ essere ulteriormente prorogato secondo il jobs act ?

Purtroppo il Ministero del Lavoro non è intervenuto per chiarire la sua posizione in merito ai contratti in essere e presumibilmente non lo farà fino alla conversione in legge del

Quali sono i nuovi importi che l'azienda deve pagare in caso di licenziamento?

Il contributo, per l’anno 2016, è pari a 486,95 euro per ogni anno di lavoro effettuato, fino ad un massimo di 3 anni. La quota mensile è pari a 40,58 euro/mese.

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento