In caso di appalto in azienda, ho diritto di richiedere all’ appaltatore l’elenco dei lavoratori che saranno utilizzati?

In caso di appalto in azienda, ho diritto di richiedere all’ appaltatore l’elenco dei lavoratori che saranno utilizzati?
image_pdfimage_print

Assolutamente sì. Detta informazione è fondamentale sia da un punto di vista di Sicurezza sul lavoro (il committente deve avere conoscenza di tutti i soggetti presenti in azienda), che da un punto di vista di responsabilità solidale, prevista dall’articolo 29 del decreto legislativo 276/2003. Infatti, il committente è solidalmente responsabile delle retribuzioni e dei relativi contributi non corrisposti dall’ appaltatore durante il periodo dell’appalto.

Per questo motivo, il committente deve avere contezza di chi sono i lavoratori che verranno utilizzati durante l’appalto e se detti lavoratori sono stati retribuiti e contribuiti in base a quanto disposto dal Ccnl applicato dall’appaltatore. Senza entrare troppo nel merito dell’appalto (sarebbe troppo lungo) il committente deve acquisire, tra le altre cose, anche il CCNL applicato dall’appaltatore, proprio per verificarne la congruità rispetto alle attività previste nell’appalto.

Estratto dal D.lgs 276/2003:

[…] Appalto e distacco

Art. 29. Appalto

  1. Ai fini della applicazione delle norme contenute nel presente titolo, il contratto di appalto, stipulato e regolamentato ai sensi dell’articolo 1655 del codice civile, si distingue dalla somministrazione di lavoro per la organizzazione dei mezzi necessari da parte dell’appaltatore, che può anche risultare, in relazione alle esigenze dell’opera o del servizio dedotti in contratto, dall’esercizio del potere organizzativo e direttivo nei confronti dei lavoratori utilizzati nell’appalto, nonche’ per la assunzione, da parte del medesimo appaltatore, del rischio d’impresa.
  2. In caso di appalto di servizi il committente imprenditore o datore di lavoro e’ obbligato in solido con l’appaltatore, entro il limite di un anno dalla cessazione dell’appalto, a corrispondere ai lavoratori i trattamenti retributivi e i contributi previdenziali dovuti.
  3. L’acquisizione del personale già impiegato nell’appalto a seguito di subentro di un nuovo appaltatore, in forza di legge, di contratto collettivo nazionale di lavoro, o di clausola del contratto d’appalto, non costituisce trasferimento d’azienda o di parte d’azienda […]

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 450 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

I 100 euro quale welfare aziendale previsto dal CCNL Industria Metalmeccanica lo devo concedere anche ai collaboratori co.co.co.?

Ritengo di no, in quanto la disposizione contrattuale parla di rapporti a tempo indeterminato e determinato, con la specifica, implicita, che debbano essere rapporti di lavoro subordinati. infatti: A decorrere

Può essere considerato staff leasing la somministrazione di un lavoratore a termine in una azienda assunto a tempo indeterminato dall’Agenzia per il Lavoro?

Lo staff leasing è la Somministrazione di lavoro a Tempo Indeterminato da parte di una Agenzia per il lavoro che ha assunto, a sua volta, il lavoratore con un rapporto

Come si posso inquadrare figure di ex-dipendenti in pensione, che erano cococo, e che prestano il loro servizio come consulenti e organizzatori in diversi settori Aziendali, per il futuro?

Qualora l’attività degli ex dipendenti non sia continuativa all’interno dell’azienda e vi sia un’autonomia gestionale del soggetto, il lavoratore in pensione potrebbe aprire partita IVA e svolgere, da autonomo, la prestazione

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento