Nel CCNL dei Pubblici Esercizi ho visto che c’è la possibilità di fare contratti di 8 h per i week end. Che vincoli hanno questi contratti?

Nel CCNL dei Pubblici Esercizi ho visto che c’è la possibilità di fare contratti di 8 h per i week end. Che vincoli hanno questi contratti?

L’articolo 77, del CCNL Pubblici Esercizi, stabilisce che è possibile stipulare contratti a tempo parziale, per il solo fine settimana, di durata non inferiore alle 8 ore.

Detti contratti possono essere stipulati solo con:

  • percettori di forme di sostegno/integrazione al reddito
  • studenti. Non essendo specificato oltre, ritengo che per qualificare il soggetto “studente”, si debba applicare quanto, in genere, la normativa prevede per altre tipologie lavorative: “regolarmente iscritto a un ciclo di studi presso un istituto scolastico di qualsiasi ordine e grado ovvero a un ciclo di studi presso l’università” (articolo 54-bis, Legge 96/2017 – prestazione occasionale).

La norma contrattuale prevede, inoltre, che qualora venga previsto un orario giornaliero inferiore alle 4 ore, detto orario non potrà essere frazionato nell’arco della giornata.

Infine, faccio presente che detta disposizione prevede la possibilità che le parti (azienda e RSU/RSA) rivedano le casistiche (oltre studenti e percettori di sostegno al reddito) e le modalità di collocazione della giornata di lavoro e della durata della prestazione, attraverso un semplice accordo aziendale (no accordo di prossimità).

Estratto dall’articolo 77 del CCNL Pubblici Esercizi – Part time weekend

[…] Possono essere stipulati contratti di lavoro a tempo parziale della durata di almeno otto ore settimanali, per il fine settimana, con studenti. Diverse modalità relative alla collocazione della giornata di lavoro e durata della prestazione potranno essere definite previo accordo aziendale o territoriale. La prestazione lavorativa giornaliera di durata inferiore a quattro ore non potrà essere frazionata nell’arco della giornata […]

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 594 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

È possibile inviare in trasferta un Apprendista?

L’Ispettorato Nazionale del Lavoro, con la nota n. 290 del 12 gennaio 2018, considera compatibile la formazione di un apprendista con la possibilità che questi venga distaccato per un breve

Abbiamo assunto un lavoratore in mobilità fino alla data del 30/12/16, cambiata poi nel 28/12/16. Come lo comunico alla provincia?

  Può tranquillamente indicare nella causale della cessazione Unilav: “MT – Modifica del termine inizialmente fissato”. Andrete così a definire, anche formalmente, la reale durata del rapporto di lavoro.

Al tirocinante curriculare va obbligatoriamente corrisposto un rimborso per la prestazione lavorativa?

No, non è obbligatorio il pagamento di una indennità, in quanto quest’obbligo riguarda soltanto i tirocinanti non curriculari e qualora la Regione abbia recepito le Linee guida impartite dalla Conferenza

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento