Mi hanno chiesto se avevo la DID. Mi può spiegare di cosa si tratta?

Mi hanno chiesto se avevo la DID. Mi può spiegare di cosa si tratta?
image_pdfimage_print

La DID (dichiarazione di immediata disponibilità) certifica che una persona è in stato di disoccupazione e può usufruire dei servizi per l’inserimento nel mercato del lavoro, stipulando il Patto di Servizio al Centro per l’Impiego.

La DID è fondamentale per essere considerati disoccupati, iscriversi al Centro per l’Impiego e partecipare alle misure di politica attiva del lavoro, oltre che per ricevere l’eventuale NASpI (indennità di disoccupazione).

Sulla base delle informazioni fornite in sede di registrazione, il soggetto è assegnato ad una classe di profilazione, allo scopo di valutarne il livello di occupabilità.

La DID può essere resa sul portale Anpal anche dalle persone a rischio di disoccupazione – cioè i lavoratori e le lavoratrici dipendenti che hanno ricevuto la comunicazione di licenziamento – già durante il periodo di preavviso di licenziamento.

Dal sito ANPAL:

[…] Chi beneficia di una prestazione a sostegno al reddito non deve rendere la DID sul portale Anpal, poiché la presentazione all’Inps di una domanda di Naspi – Nuova assicurazione sociale per l’impiego, di DIS-COLL, cioè l’indennità di disoccupazione per i lavoratori con rapporto di collaborazione coordinata, o di indennità di mobilità equivale ad aver dichiarato la propria immediata disponibilità al lavoro presso i servizi per l’impiego.

Nelle more della messa a regime del portale Anpal e della cooperazione applicativa con i portali regionali, la persona disoccupata può dichiarare la propria disponibilità al lavoro in tre modi:

• sul portale Anpal (con o senza Pin Inps);

• sui portali regionali, laddove già previsto dai sistemi informativi regionali;

• recandosi personalmente presso il centro per l’impiego. […]

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 454 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Quali sono i contributi previsti per l’azienda che assume con contratto di apprendistato ?

A seguito del Maxi-emendamento, ovvero della Legge n.183 del 12 novembre 2011 (Legge di stabilità 2012), sono stati introdotti degli incentivi ancor più vantaggiosi per le aziende che assumono apprendisti,

Cosa succede in caso di sentenza di illegittimità per insussistenza del fatto contestato, di un licenziamento comminato per giusta causa di un lavoratore non in tutele crescenti?

In questo caso, l’articolo 18 della Legge 300/1970 prevede: La reintegra. In alternativa alla reintegra il lavoratore può richiedere una indennità pari a 15 mensilità di retribuzione. Una indennità risarcitoria

È possibile inserire una tirocinante in produzione?

In linea di massima, non vi sono preclusioni nell’inserire un tirocinante in produzione, rispettando le prerogative del tirocinio quale strumento deputato alla formazione e non all’attività lavorativa. Inoltre, andranno verificate

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento