Può essere considerato staff leasing la somministrazione di un lavoratore a termine in una azienda assunto a tempo indeterminato dall’Agenzia per il Lavoro?

Può essere considerato staff leasing la somministrazione di un lavoratore a termine in una azienda assunto a tempo indeterminato dall’Agenzia per il Lavoro?
image_pdfimage_print

Lo staff leasing è la Somministrazione di lavoro a Tempo Indeterminato da parte di una Agenzia per il lavoro che ha assunto, a sua volta, il lavoratore con un rapporto di lavoro a tempo indeterminato.

Se l’azienda utilizza il lavoratore a tempo determinato (per quanto assunto a tempo indeterminato dall’Agenzia), non si applicheranno le regole dello staff leasing ma quelle della Somministrazione a termine, con le modifiche previste dalla c.d. Legge Dignità.

Di seguito un estratto dall’articolo Staff leasing ai tempi del jobs act: il lavoro tramite agenzia più tutelante dell’assunzione diretta [M. Amoroso]

[…] In tale scenario normativo (Jobs Act ndr), estremamente innovativo, perde evidentemente di significato ogni battaglia ideologica in passato condotta nei confronti dello Staff Leasing, ossia del lavoro subordinato a tempo indeterminato svolto tramite le agenzie per il lavoro autorizzate. Ed infatti, la principale critica che è stata rivolta a tale istituto riguardava proprio la non applicazione ai lavoratori così assunti della tutela prevista dall’art. 18.
È evidente che una volta caduto l’art. 18 viene meno il pomo della discordia.
E così il lavoro a tempo indeterminato tramite agenzia diviene addirittura più tutelante per i lavoratori rispetto all’assunzione diretta presso l’azienda utilizzatrice.
In primo luogo è di tutta evidenza che se la tutela del lavoratore si esaurisce, in definitiva, nel diritto al pagamento di una somma di denaro, allora la presenza dell’agenzia per il lavoro, al fianco dell’impresa utilizzatrice, non può che garantire ulteriormente il soddisfacimento del credito. Ma vi è di più: i lavoratori assunti tramite agenzia possono contare pure sulla tutela prevista dalla procedura di ricollocazione dell’art. 25 del CCNL di settore, oltre che sulle tutele del Jobs Act […]

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 466 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Il welfare proveniente da PDR, qualora non convertito entro la scadenza, può essere corrisposto in contanti?

Sì. Qualora il lavoratore non abbia convertito in welfare il proprio premio di risultato alla scadenza prevista, questo dovrà essere erogato quale retribuzione e tassato al 10%, sempreché l’azienda abbia

Utilizzando il contratto di prossimità, posso aumentare il periodo di prova per i nuovi assunti ?

Sì, L’art. 8 della Legge n. 148/2011 prevede la possibilità di derogare alle norme di legge o alla regolamentazione prevista dal contratto collettivo nazionale a fronte di una maggiore occupazione, della qualità dei

Ho letto un messaggio inps che parla di cumulabilità tra gli 8000 euro della legge di stabilità e quella prevista per le zone svantaggiate nelle aziende agricole, ma non ho capito bene il funzionamento. Può spiegarmelo?

Il messaggio messaggio Inps n. 6533 del 23 ottobre 2015, riprendendo una nota del Ministero del Lavoro ha detto che per i datori di lavoro agricoli in zone svantaggiate e

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento