È possibile trasformare un contratto intermittente in un part-time a T. Ind. usufruendo delle agevolazioni della legge n 205/17?

È possibile trasformare un contratto intermittente in un part-time a T. Ind. usufruendo delle agevolazioni della legge n 205/17?

Una ditta ha in forza una dipendente con contratto intermittente a tempo indeterminato: il 01/06/2018 trasforma il contratto in part time a tempo indeterminato. La ditta può usufruire dell’agevolazione legge 2018 n 205/17 per la trasformazione del contratto (giovane di 34 anni) con beneficio contributi INPS 50% per 36 mesi?

Segue la risposta di Roberto Camera:

Il contratto intermittente non può essere trasformato in contratto a tempo indeterminato ordinario (sia esso a full-time o a part-time). Deve essere chiuso il rapporto intermittente ed instaurato il rapporto a tempo indeterminato. In questo modo, stante le altre regole previste dal legislatore della L. 205/2017, l’azienda avrebbe anche la possibilità di usufruire delle agevolazioni previste per l’assunzione a tempo indeterminato di un giovane.

 

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 554 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

In caso di dimissioni di un lavoratore a chiamata, è necessaria la comunicazione telematica o bastano le dimissioni cartacee?

Un lavoratore “intermittente” è, a tutti gli effetti, equiparato ad un lavoratore ordinario, per cui deve presentare le dimissioni nelle forme previste dalla legge (art. 26, DLvo 151/2015): modalità telematica.

Nella nostra azienda lavora un lavoratore a chiamata , abbiamo limiti al suo utilizzo?

Se il contratto applicato dall’azienda non è quello dello spettacolo, turismo o commercio, il massimale delle giornate di “chiamata” che un lavoratore intermittente può fare è pari a

È corretto dire ad una azienda che è nullo il licenziamento di una lavoratrice che ha un figlio di 5 mesi?

Sì è corretto. Sono previste, comunque, delle eccezioni al divieto di licenziamento nel periodo cd. protetto (dal concepimento al compimento di un anno di età del bambino). In caso di:

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento