Nel caso di una rettifica alla lettera di dimissioni come si può procedere?

Nel caso di una rettifica alla lettera di dimissioni come si può procedere?

Un nostro dirigente ha deciso di dimettersi qualche tempo fa, nel rispetto del periodo di preavviso, e dovrebbe cessare in data 30 luglio 2018, come da comunicazione telematica da lui inoltrata e da noi ricevuta. Ora avremmo la necessità, in accordo con lo stesso, di trattenerlo fino al 31 agosto. Cosa dobbiamo fare? Comunicazioni? Lettera allo stesso?

 Di seguito la risposta del Dott. Camera:

Il lavoratore rettifica, con una lettera cartacea, la PEC di dimissioni inviata a suo tempo, indicando la nuova data di decorrenza delle dimissioni al 1° settembre (primo giorno di non lavoro). L’azienda, a sua volta, dovrà allegare la lettera di rettifica alla PEC ricevuta e dovrà modificare la decorrenza delle dimissioni al Centro per l’Impiego.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 520 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Ho una lavoratrice che ha un figlio di 2 anni, deve presentare le dimissioni online?

Nei casi di dimissioni presentate da lavoratrice nel periodo di gravidanza o durante i primi 3 anni di vita del bambino, è richiesta esclusivamente la convalida delle stesse presso L’Ispettorato

Con la modifica del D.Lgs. 253/16 sull’immigrazione, è possibile evitare il ricorso ai visti di ingresso per nuovi assunti americani?

  La modifica normativa riguarda solo i trasferimenti di lavoratori appartenenti ad aziende extraUE facenti parte del gruppo di quella italiana. In definitiva, si parla di trasferimenti intra-societari e non

Buongiorno, può darmi chiarimenti in merito al ” de minimis “?

L’Unione Europea ha previsto che per gli aiuti concessi ad una impresa vi debbano essere dei limiti. Ordinariamente le agevolazioni concesse ad una azienda ordinaria (” de minimis “), sommati

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento