Nel caso di una rettifica alla lettera di dimissioni come si può procedere?

Nel caso di una rettifica alla lettera di dimissioni come si può procedere?
image_pdfimage_print

Un nostro dirigente ha deciso di dimettersi qualche tempo fa, nel rispetto del periodo di preavviso, e dovrebbe cessare in data 30 luglio 2018, come da comunicazione telematica da lui inoltrata e da noi ricevuta. Ora avremmo la necessità, in accordo con lo stesso, di trattenerlo fino al 31 agosto. Cosa dobbiamo fare? Comunicazioni? Lettera allo stesso?

 Di seguito la risposta del Dott. Camera:

Il lavoratore rettifica, con una lettera cartacea, la PEC di dimissioni inviata a suo tempo, indicando la nuova data di decorrenza delle dimissioni al 1° settembre (primo giorno di non lavoro). L’azienda, a sua volta, dovrà allegare la lettera di rettifica alla PEC ricevuta e dovrà modificare la decorrenza delle dimissioni al Centro per l’Impiego.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 451 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Una agenzia di somministrazione Rumena mi propone manodopera straniera a prezzi molto più bassi rispetto alle agenzie italiane. Ci sono problemi se stipulo un contratto di somministrazione con loro?

Valuti con attenzione quanto prospettato dall’ agenzia per lavoro Rumena, in quanto lo stesso Ministero del Lavoro, con la recente circolare n. 14/2015, che la invito a leggere, ha evidenziato

Entro quando va stilato il piano formativo per gli apprendisti ?

All’atto della stipula del contratto, in quanto la possibilità introdotta dal D.L.vo 167/2011 sull’Apprendistato, di sottoscrivere il piano formativo entro i 30 giorni successivi è stato abolito dalla Legge n. 78/2014

Può un lavoratore rifiutarsi di trasformare il proprio rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale o viceversa?

Il rifiuto del lavoratore alla trasformazione del rapporto non costituisce giustificato motivo di licenziamento.

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento