La DID (Dichiarazione di Immediata Disponibilità al lavoro) cessa se inizia un tirocinio formativo?

La DID (Dichiarazione di Immediata Disponibilità al lavoro) cessa se inizia un tirocinio formativo?
image_pdfimage_print

La DID viene rilasciata al possesso dei seguenti requisiti:

  • Soggetti privi di lavoro;
  • Soggetti effettivamente alla ricerca di una occupazione.

Ritengo che qualora il soggetto abbia entrambi i requisiti, il solo tirocinio formativo in atto non osti al rilascio della DID. Ciò in quanto lo stage non è considerato rapporto di lavoro.

Relativamente all’articolo 19 del d.lgs. 150/2015: “Sono considerati disoccupati i soggetti privi di impiego che dichiarano, in forma telematica, al sistema informativo unitario delle politiche del lavoro di cui all’articolo 13, la propria immediata disponibilità allo svolgimento di attività lavorativa e alla partecipazione alle misure di politica attiva del lavoro concordate con il centro per l’impiego”, quindi, il cittadino sarà considerato in “stato di disoccupazione” solo se la DID sia riscontrabile all’interno della SAP l’identificativo univoco della DID in parola, che verrà inserito nella SAP a cura del nodo di coordinamento nazionale.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 458 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Cos’è e a cosa serve l’ idoneità alloggiativa dei cittadini extracomunitari?

Il certificato di idoneità abitativa attesta l’abitabilità dell’alloggio in cui vive il cittadino straniero extracomunitario, ovvero certifica che l’alloggio stesso rientri nei parametri minimi previsti dalla legge per gli alloggi

Come vanno trattare da un punto di vista contributivo le somme corrisposte a titolo di arretrati ?

La circolare del Ministero del Lavoro n. 39/1987 ha affermato che per stabilire se una somma corrisposta a titolo di arretrato vada supportata a livello contributivo, occorre individuare se la

In caso di inserimento nel nostro CCAL di permessi retribuiti (non previsti nel CCNL), in che misura si può accedere alle agevolazioni del DM 12/9/2017 per la conciliazione vita-lavoro?

Prima di richiedere le agevolazioni previste dal DM 12 settembre 2017, l’azienda deve verificare i seguenti requisiti fondamentali previsti dalla norma: 1 –  Si deve trattare di Contratti aziendali sottoscritti

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento