fbpx

In caso di dimissioni di un lavoratore/padre, durante il primo anno di vita del figlio, come va considerato il preavviso?

In caso di dimissioni di un lavoratore/padre, durante il primo anno di vita del figlio, come va considerato il preavviso?

Ai sensi dell’articolo 55, del Decreto Legislativo n. 151/2001, in caso di dimissioni volontarie presentate dal lavoratore/padre fino al compimento di un anno di età del bambino, quest’ultimo non è obbligato a dare il preavviso all’azienda. Inoltre, ha diritto all’indennità di preavviso qualora abbia fruito del congedo di paternità in alternativa al congedo di maternità.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 647 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Ho alcuni lavoratori che vengono retribuiti in misura fissa mensile; devo registrare analiticamente le ore di lavoro nel LUL?

Il Ministero del Lavoro, nel Vademecum del 2008 sul Libro unico ( LUL ), ha precisato che i soggetti per i quali non si devono registrare analiticamente le ore di

Qual è il limite massimo di ore annuali di straordinario?

Il limite massimo di ore di straordinario è pari a 250 ore (articolo 5 del decreto legislativo 66/2003) esclusivamente per quelle aziende che applicano contratti collettivi che non hanno diversamente

Ho un ragazzo di 24 che voglio assumere a tempo indeterminato con un contratto intermittente, ci sono problemi?

Si evidenzia che il contratto intermittente, disciplinato dagli articoli 13 e ss. del decreto legislativo n. 81/2015, stabilisce le ipotesi di utilizzo che si possono così sintetizzare: secondo le esigenze

14 Commenti

  1. Arpi89
    Ottobre 22, 16:06 Reply

    Salve sono un padre di una bimba di 7 mesi.
    La mia compagna e in congedo facoltativo.
    Posso licenziarmi io nel periodo prima dell anno di vita della bambina e usufruire della naspi? O e un diritto solo per le mamme?
    Leggendo su internet ho capito di si ma il caf mi ha detto di no.

    • Roberto
      Ottobre 23, 16:18 Reply

      Potrebbe solo se avesse fruito del congedo obbligatorio, ma non credo.

  2. Matteo85
    Ottobre 06, 19:57 Reply

    Salve, avendo usufruito del solo congedo obbligatorio (attualmente 7 giorni) di paternità, è possibile rientrare nel caso analizzato nell’articolo e pertanto in caso di dimissioni entro 1 anno del bambino c’è la possibilità di non dare preavviso? Grazie. Cordiali Saluti.

    • Roberto
      Ottobre 14, 08:18 Reply

      No, si tratta del congedo dei 5 mesi qualora, ad esempio, la mamma non sia più presente in famiglia.

  3. Bianca2019
    Luglio 24, 22:22 Reply

    E possibile che un padre dopo una settimana di congedo parentale dia le dimissioni senza obbligo di rispettare i 30 giorni di preavviso previsti dal contratto? Si tratta di un contratto determinato e di bambino di 10 mesi. Grazie.

    • Roberto
      Luglio 28, 07:52 Reply

      Il lavoratore che si dimette nell’anno dalla nascita del bimbo non è tenuto al preavviso.

  4. marcobz
    Giugno 02, 19:23 Reply

    Salve Dottore, possono dare le dimissioni con questa modalità (senza preavviso) sia il lavoratore padre (ovviamente senza percepire indennità) che la lavoratrice madre per lo stesso figlio?
    Grazie.

    • Roberto
      Giugno 07, 18:23 Reply

      Non ci sono preclusioni in tal senso.

  5. Stefano
    Aprile 19, 12:18 Reply

    salve, nel caso in cui il lavoratore padre ha usufuito del congedo parentale e le dimissioni vengono convalidate dall’ispettorato del lavoro ma l’INPS non riconosce la NASPI cosa posso fare per far rispettare i miei diritti?

    • Roberto
      Aprile 20, 10:09 Reply

      Il congedo che da diritto alla NASPI, in caso di dimissioni, è il congedo dei 5 mesi obbligatori.

  6. Mara
    Febbraio 19, 18:18 Reply

    È necessario che il padre per avere diritto alla naspi usufruisca di tutto il congedo di paternità (5 obbligatori +6 facoltativi) o anche solo di parte di esso? Ad esempio la madre 9 mesi e il padre i restanti?
    Grazie

    • Roberto
      Febbraio 20, 09:47 Reply

      Per “congedo di paternita’” si intende l’astensione dal lavoro del lavoratore, fruito in alternativa al congedo di maternità (articolo 16 del DLvo 151/2001).

  7. Roberto
    Giugno 13, 08:39 Reply

    L’abrogazione del comma 5, dell’articolo 55, è dovuta al fatto che la prescrizione circa il non obbligo del preavviso (anche per il lavoratore) è stato portato nel corpo del comma 1, dello stesso articolo 55.
    Questo il testo del nuovo comma 1, dell’articolo 55:
    1. In caso di dimissioni volontarie presentate durante il periodo per cui e’ previsto, a norma dell’articolo 54, il divieto di licenziamento, la lavoratrice ha diritto alle indennita’ previste da disposizioni di legge e contrattuali per il caso di licenziamento. La lavoratrice e il lavoratore che si dimettono nel predetto periodo non sono tenuti al preavviso.

  8. 623fabrizio
    Giugno 12, 17:27 Reply

    Salve e grazie dell’articolo.
    Ricado perfettamente nella situazione sopra descritta. Mi sono recato all’ispettorato del lavoro per presentare dimissioni e mi è stato detto che in realtà, se non ho usufruito del congedo parentale, non ho diritto all’esenzione dal preavviso secondo quanto dichiarato dal DLGS 15 giugno 2015 in cui viene abrogato il comma 5 dell’art. 55 del DLGS 151/2001.

    Saluti

Lascia un commento