In caso di dimissioni di un lavoratore/padre, durante il primo anno di vita del figlio, come va considerato il preavviso?

In caso di dimissioni di un lavoratore/padre, durante il primo anno di vita del figlio, come va considerato il preavviso?

Ai sensi dell’articolo 55, del Decreto Legislativo n. 151/2001, in caso di dimissioni volontarie presentate dal lavoratore/padre fino al compimento di un anno di età del bambino, quest’ultimo non è obbligato a dare il preavviso all’azienda. Inoltre, ha diritto all’indennità di preavviso qualora abbia fruito del congedo di paternità in alternativa al congedo di maternità.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 508 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Devo distaccare, in una azienda della Repubblica Ceca, che appartiene al nostro gruppo, 2 lavoratori. Quali sono gli adempimenti da fare?

La Repubblica Ceca, essendo all’interno della Comunità Europea, dovrebbe aver recepito la Direttiva 2014/67/UE in materia di distacchi transnazionali. Bisognerebbe sentire la ditta ceca per sapere se è stata recepita

Dopo la pubblicazione della circolare 28/2016 possiamo procedere alla detassazione dei premi di risultato? Possiamo convertire il pdr in welfare aziendale anche se non previsto nel contratto aziendale?

È possibile detassare i premi di risultato o gli utili corrisposti ai lavoratori, nel limite dei 2.000 euro lordi e sempreché non abbiano superato, nel 2015, il reddito di 50.000

Come ci si regola se viene chiesto dal lavoratore un permesso per esami?

Per la risposta occorre avere presenti sia l’art. 10 della legge n. 300/1970 che l’art. 13 della legge n. 845/1978. Tutti i lavoratori che studiano, compresi i c.d. “fuori corso”

2 Commenti

  1. Roberto
    Giugno 13, 08:39 Reply

    L’abrogazione del comma 5, dell’articolo 55, è dovuta al fatto che la prescrizione circa il non obbligo del preavviso (anche per il lavoratore) è stato portato nel corpo del comma 1, dello stesso articolo 55.
    Questo il testo del nuovo comma 1, dell’articolo 55:
    1. In caso di dimissioni volontarie presentate durante il periodo per cui e’ previsto, a norma dell’articolo 54, il divieto di licenziamento, la lavoratrice ha diritto alle indennita’ previste da disposizioni di legge e contrattuali per il caso di licenziamento. La lavoratrice e il lavoratore che si dimettono nel predetto periodo non sono tenuti al preavviso.

  2. 623fabrizio
    Giugno 12, 17:27 Reply

    Salve e grazie dell’articolo.
    Ricado perfettamente nella situazione sopra descritta. Mi sono recato all’ispettorato del lavoro per presentare dimissioni e mi è stato detto che in realtà, se non ho usufruito del congedo parentale, non ho diritto all’esenzione dal preavviso secondo quanto dichiarato dal DLGS 15 giugno 2015 in cui viene abrogato il comma 5 dell’art. 55 del DLGS 151/2001.

    Saluti

Lascia un commento