In caso di licenziamento per inidoneità sopravvenuta del lavoratore deve essere preceduto dal tentativo di conciliazione previsto dalla Riforma Fornero ?

image_pdfimage_print

Sì, il licenziamento per inidoneità sopravvenuta rientra tra i casi di giustificato motivo oggettivo (GMO) per i quali è obbligatoria la procedura di conciliazione al fine di verificare alternative all’espulsione del lavoratore.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 466 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Mia moglie ha un contratto part-time senza indicazione degli orari settimanali. È regolare ?

Per il contratto part-time la normativa prevede l’obbligo, da parte dell’azienda, di indicare puntualmente la “durata della prestazione lavorativa e della collocazione temporale dell’orario con riferimento al giorno, alla settimana,

Vorrei assumere un lavoratore che nel frattempo sta operando all’interno dell’azienda quale co.co.co. posso avere 2 rapporti di lavoro differenti contemporaneamente sulla stessa persona?

Ritengo che non sia il caso di costituire due rapporti di lavoro differenti (autonomo e subordinato) per lo stesso lavoratore nello stesso periodo di tempo. Ciò potrebbe essere valutato, in

Dimissioni telematiche: come azienda, possiamo intervenire nel caso in cui il lavoratore non ci fa pervenire le dimissioni tramite email?

La norma (art. 26, d.l.vo 151/2015) non prevede un intervento del datore di lavoro in caso di inerzia del lavoratore. Ad oggi, l’azienda si trova alla finestra in attesa della

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento