In caso di licenziamento per inidoneità sopravvenuta del lavoratore deve essere preceduto dal tentativo di conciliazione previsto dalla Riforma Fornero ?

Sì, il licenziamento per inidoneità sopravvenuta rientra tra i casi di giustificato motivo oggettivo (GMO) per i quali è obbligatoria la procedura di conciliazione al fine di verificare alternative all’espulsione del lavoratore.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 578 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

È vero che se manca il Documento di Valutazione dei Rischi non posso assumere lavoratori a tempo determinato?

  Sì, il TU sui contratti di lavoro (D.L.vo n. 81/2015) vieta espressamente l’assunzione di lavoratori a tempo determinato, di lavoratori intermittenti e l’utilizzo di lavoratori somministrati, nelle aziende che

Il contratto collettivo può rivedere il numero massimo di apprendisti che una azienda può assumere?

No. La norma (art. 42, comma 7, del D.L.vo 81/2015) non delega alla contrattazione collettiva la disciplina sul numero massimo di apprendisti presenti, contemporaneamente, all’interno dell’azienda. Questo limite è una

Esiste ancora il certificato medico di idoneità per l’assunzione degli apprendisti e dei minori?

L’art. 42 del Decreto Legge n. 69/2013 (c.d. Decreto del Fare) ha previsto la soppressione del certificato medico di idoneità per l’assunzione degli apprendisti e dei minori. Pertanto, dal 22

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento