In caso di licenziamento per inidoneità sopravvenuta del lavoratore deve essere preceduto dal tentativo di conciliazione previsto dalla Riforma Fornero ?

Sì, il licenziamento per inidoneità sopravvenuta rientra tra i casi di giustificato motivo oggettivo (GMO) per i quali è obbligatoria la procedura di conciliazione al fine di verificare alternative all’espulsione del lavoratore.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 510 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

In caso di distacco di un lavoratore ad un’altra azienda, c’è qualche adempimento burocratico nei confronti della pubblica amministrazione ?

Sì, il distaccante (il datore di lavoro) deve effettuare una comunicazione telematica di distacco al Centro per l’Impiego entro

Se vengo licenziato per giusta causa, ritornando al Centro per l’impiego potrò richiedere la Naspi ?

Sì, tutte le risoluzioni del rapporto lavoro avvenute con un atto unilaterale di licenziamento del datore di lavoro fanno nascere, in capo al lavoratore, la possibilità di richiedere la Naspi. Nel caso

Al tirocinante curriculare va obbligatoriamente corrisposto un rimborso per la prestazione lavorativa?

No, non è obbligatorio il pagamento di una indennità, in quanto quest’obbligo riguarda soltanto i tirocinanti non curriculari e qualora la Regione abbia recepito le Linee guida impartite dalla Conferenza

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento