fbpx

Legge di Stabilità 2015 : agevolazioni alle assunzioni e soppressione sgravi contributivi Legge 407/90, incentivi a confronto

stabilita_2015La Legge di Stabilità per il 2015 approderà nell’Aula della Camera a partire dal 27 novembre. Uno slittamento di tre giorni rispetto alla data prevista inizialmente del 24 novembre.Tra gli emendamenti proposti, in particolare, quelli all’art.12 che introduce lo sgravio contributivo per i neoassunti a tempo indeterminato.
Lo sgravio consiste nell’esonero dal versamento dei contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro, nel limite massimo di 8.060 euro annui per tutte le nuove assunzioni con contratto di lavoro a tempo indeterminato, con la sola esclusione dei contratti di apprendistato, dei contratti di lavoro domestico e del settore agricolo, decorrenti dal 1° gennaio 2015 e stipulati entro il 31 dicembre 2015, per un periodo massimo di 36 mesi.
Perché sussista l’effettivo diritto a fruire dell’agevolazione, lo status occupazionale del lavoratore deve congiuntamente possedere due requisiti:

1) non deve essere stato occupato a tempo indeterminato nei sei mesi che precedono l’assunzione;
2) non deve aver avuto rapporti di lavoro, con l’azienda che lo assume o altri datori di lavoro che appartengano al medesimo gruppo di imprese, nei tre mesi che precederanno l’entrata in vigore della Legge stessa.

Tuttavia lo sgravio, pur essendo definito totale, sottostà a tre rilevanti limitazioni:

  • importo massimo pari a 8.060 euro annui;
  • esclusione dallo sgravio dei contributi Inail;
  • possibilità per il lavoratore di essere assunto con l’agevolazione una volta soltanto.

Di contro, la Legge 407/90 prevede il pagamento nella misura del 50% dei contributi previdenziali ed assistenziali per un periodo di trentasei mesi per le assunzioni con contratto a tempo indeterminato di lavoratori disoccupati, sospesi o in Cig da almeno ventiquattro mesi. Nel caso in cui tali assunzioni siano effettuate da imprese operanti nelle zone svantaggiate del Mezzogiorno ovvero da imprese artigiane, lo sgravio raggiunge il 100% della contribuzione totale a carico del datore di lavoro. Lo sgravio include dunque sia i contributi da versare all’Inps che quelli destinati all’ Inail e la fruizione dello stesso è ripetibile, ricorrendone le condizioni, in capo al medesimo lavoratore.
Dal punto di vista economico, il nuovo sgravio risulta sicuramente più conveniente per il datore di lavoro del Centro-nord non artigiano, in quanto include interamente i contributi Inps mentre la legge 407/90 in questi casi prevede soltanto il 50% di riduzione.

Tuttavia, l’esistenza del tetto massimo di fruibilità, 8.060 euro annui, rende il nuovo beneficio meno conveniente sia all’aumentare della retribuzione corrisposta al lavoratore  che all’aumentare del tasso Inail, non essendo prevista l’estensione dello sgravio anche ai contributi assistenziali.

In conclusione, se la legge di Stabilità 2015 sarà approvata “secondo il testo attuale”, andrà a sopprimere i benefici contributivi dell’art. 8, comma 9, della Legge n. 407/1990, l’incentivo all’assunzione più utilizzato dai datori di lavoro negli ultimi 24 anni. Inoltre, a partire dal 1 gennaio 2016 non ci saranno sgravi contributivi di alcun genere in favore delle assunzioni a tempo indeterminato.

Tabella comparazione sgravi *(secondo il “testo attuale” al 21/11/2014 , non sono escluse modifiche)

stabilita

Nuovi articoli sulla Legge di stabilità 2016 

×

Anno 2016: la ricerca del miglior incentivo per l’ occupazione [E. Massi]

Anno 2016: la ricerca del miglior incentivo per l’ occupazione [E. Massi]

Cosa succederà nel 2016? E’ questa, una delle domande ricorrenti tra gli operatori del mondo del lavoro che riguarda l’esonero contributivo per i nuovi assunti il quale, generosamente riconosciuto nel 2015 per i tre anni successivi alla instaurazione dei rapporti, a chi, in un’ottica di occupazione stabile, ha proceduto ad assunzioni a tempo indeterminato, scadrà il prossimo 31 dicembre. Il disegno di legge di Stabilità per l’anno 2016, presentato dall’Esecutivo all’approvazione del Parlamento, ripropone il beneficio, sia pure in misura ridotta

Controlli a distanza e sugli strumenti di lavoro: l’informativa al lavoratore [E.Massi]

Controlli a distanza e sugli strumenti di lavoro: l’informativa al lavoratore [E.Massi]

Un passaggio molto importante della recente normativa che ha cambiato la struttura e l'impostazione dell'art. 4 della legge n. 300/1970 è rappresentato dall'obbligo di informare i dipendenti sui controlli in azienda, qualora si intenda utilizzarli per " tutti i fini connessi al rapporto di lavoro".  Si tratta di un passaggio essenziale ed obbligatorio se si desidera utilizzare tutte le informazioni desunte sia dai controlli a distanza attraverso la strumentazione per la quale è intervenuto l'accordo sindacale o, in alternativa, il

Legge di stabilità 2016: le agevolazioni per le assunzioni a tempo indeterminato [E.Massi]

Legge di stabilità 2016: le agevolazioni per le assunzioni a tempo indeterminato [E.Massi]

L’esonero contributivo correlato alle assunzioni a tempo indeterminato viene prorogato anche nel 2016, ma la disposizione, contenuta nei commi compresi tra il 178 ed il 181 della legge 28 dicembre 2015 n. 208 ( Legge di stabilità 2016 )ne ha ridotto sia gli importi che la durata. Il tutto si inquadra in uno sforzo del Legislatore, finalizzato a favorire l’occupazione in pianta stabile del personale  e che, attraverso i Decreti Legislativi n. 23/2015, n. 81/2015 e n. 151/2015 ha reso più facile,

Sull' autore

Marialuisa Santoro
Marialuisa Santoro 22 posts

Consulente del lavovo Generazione vincente Spa http://generazionevincente.it/

Vedi tutti i post di questo autore →

117 Commenti

  1. Stefano
    Dicembre 27, 17:30 Reply

    Per la trasformazione di un contratto a chiamata in un contratto part-Time o full-Time a tempo indeterminato quindi non esistono sgravi. Questa manovra offre solo agevolazioni per l’assunzione di persone che non sono occupate da almeno 6 mesi???

    • marialuisa santoro
      Gennaio 09, 16:36 Reply

      Buonasera Stefano,
      l’agevolazione si riferisce anche a tutti coloro che non hanno un contratto a tempo indeterminato ma a tempo determinato

  2. Bruna
    Dicembre 27, 10:37 Reply

    Buon giorno
    Il mio caso è contratto a tempo determinato scadenza 31/12/14, dalle risposte ho capito che non rientro nell’obbligo dei sei mesi di disoccupazione ma vorrei sapere per essere riassunto con la stessa ditta devo attendere tre mesi? da che data decorrono questi tre mesi?
    Grazie buona giornata

    • marialuisa santoro
      Gennaio 09, 16:35 Reply

      Buonasera Bruna,
      il suo contratto ormai sarà scaduto. Essendo un rapporto a tempo determinato e non indeterminato, può essere assunta dalla stessa azienda usufruendo degli sgravi

  3. Gian Franco
    Dicembre 24, 11:54 Reply

    Salve,
    dal 10 Luglio ho un contratto partime al 60% a tempo indeterminato. A Gennaio la ditta può trasformarmi il contratto in full time usufruendo degli sgravi?

    • marialuisa santoro
      Gennaio 09, 16:38 Reply

      Buonasera Gian Franco,
      essendo il suo rapporto comunque a tempo indeterminato, non credo che la trasfromazione da P/T a full time possa essere agevolata

  4. marialuisa santoro
    Dicembre 23, 17:20 Reply

    Buonasera Marco,
    essendo il suo rapporto a tempo determinato, è presumibile che il rapporto di lavoro possa essere trasformato a tempo indeterminato usufruendo dello sgravio triennale.
    Tuttavia, non abbiamo la certezza che a partire dal 1 gennaio 2015 la legge sia effettiva

  5. MArco
    Dicembre 23, 11:36 Reply

    Il mio caso è il seguente:
    Contratto a termine con scadenza 31/12/2014
    L’azienda propone una trasformazione a tempo indeterminato senza interruzione del rapporto

    La mia domanda:

    Con la trasformazione può usufruire degli sgravi INPS della Legge di stabilità nel 2015 oppure per beneficiarne merita interrompere il rapporto e assumerla exnovo?

    • marialuisa santoro
      Gennaio 09, 16:33 Reply

      Buonasera Marco,
      legga il commento dato a Sabrina sulle ultime delucidazioni in merito alla trasfromazione

  6. robert
    Dicembre 21, 14:29 Reply

    Salve vorrei sapere se io lavoro come socio dipendente in una cooperativa con contratto indeterminato e voglio cambiare il lavoro. Il nuovo datore di lavoro potrà usufruire degli zgravi fiscale messi nella lwge di stabilità. Perché se no uno nel mio caso non potrà mai cambiare il posto di lavoro con questa lege

    • marialuisa santoro
      Dicembre 23, 16:26 Reply

      Buonasera Roberto,
      l’articolo 12 della legge di stabilità cita testualmente “perché sussista l’effettivo diritto a fruire dell’agevolazione, il lavoratore non deve essere stato occupato a tempo indeterminato nei sei mesi che precedono l’assunzione”. Per cui, se vuole essere assunto da un nuovo datore di lavoro usufruendo dello sgravio triennale, dovrà attendere che trascorrono sei mesi.

  7. Clara
    Dicembre 17, 03:27 Reply

    Salve,
    io ho scoperto oggi pomeriggio di avere lo stesso problema di Sabrina qui sopra con la differenza che il mio contratto a Tempo Determinato scade al 31/12/14. Inoltre la proposta alternativa da parte dell’azienda è di farmi aprire partita iva o lasciarmi a casa e assumermi dopo circa sei mesi per rientrare nelle agevolazioni. Ci puó illuminare gentilmente?

    Grazie!!!

    • marialuisa santoro
      Dicembre 19, 11:39 Reply

      Buongiorno Clara,
      per Lei vale la stessa risposta che ho dato a Sabrina.
      La legge si riferisce ai contratti a tempo indeterminato. Per tale motivazione, non comprendo l’iter che la sua azienda vuole seguire dato che, il lavoratore assunto con lo sgravio triennale non deve essere stato occupato a tempo indeterminato nei sei mesi che precedono l’assunzione e Lei no ha tale tipologia di rapporto.

    • marialuisa santoro
      Gennaio 09, 16:32 Reply

      Buonasera Clara,
      come ho scritto a Sabrina c’è stato un ulteriore chiarimento in merito alla possibilità di trasformare un contratto a tempo determinato scaduto il 31/12/2014 in contratto a tempo indeterminato usufruendo dello sgravio triennale. In effetti l’assunzione deve essere una “nuova assunzione” per cui, ci dovrà essere l’interruzione e la nuova assunzione dopo qualche giorno

  8. Sabrina
    Dicembre 16, 11:58 Reply

    Buongiorno,

    ho visto che il disegno di legge è stato pubblicato oggi in Gazzetta. Sono confermati gli incentivi per la trasformazione dei contratti a tempo determinato in contratti a tempo indeterminato all’interno della stessa azienda? Inoltre, in caso affermativo, visto che il mio contratto a tempo determinato scade ad inizio gennaio, si potrà procedere con il nuovo contratto indeterminato anche prima dell’uscita dei decreti attuativi?

    Grazie.

    • Paolo
      Dicembre 16, 20:21 Reply

      Buonasera,
      Le chiedo un suo parere circa i seguenti aspetti:
      1) un al lavoratore co.co.pro. con contratto in scadenza il 31.12.2014, potrà essere assunto dall’attuale impresa committente a gennaio 2015 con le agevolazioni previste dalla Legge di stabilità? A mio avviso SI in quanto trattasi di co.co.pro. a tempo determinato e non di lavoro subordinato a tempo indeterminato.
      2) un lavoratore che ha in essere un contratto “a chiamata” a tempo indeterminato presso altro datore di lavoro presso il quale presta attività solo saltuariamente potrà essere assunto con gli incentivi previsti dalla Legge di stabilità nel 2015?A mio avviso NO, in quanto trattasi comunque di un contratto a tempo indeterminato.
      3) l’incentivo non risulta cumulabile con altri esoneri o riduzione di aliquote di finanziamento previsti dalla normativa vigente. Potrà essere cumulabile con incentivi previsti in regime “deminimis” da parte della normativa regionale?
      Grazie.

      • marialuisa santoro
        Dicembre 23, 17:01 Reply

        Buonasera Paolo,
        concordando con le risposte che si è dato ai punti 1) e 2), sempre con la dovuta cautela poichè la legge non è ancora chiara, per quanto riguarda il punto 3), lo sgravio non è cumulabile con altri esoneri o riduzioni delle aliquote di finanziamento previsti dalla normativa vigente, il che lascerebbe altresì presumere che lo stesso rimanga soggetto anche alla disciplina comunitaria degli aiuti “de minimis” .

        • Florentina
          Febbraio 23, 17:08 Reply

          Buonasera,
          Volevo chiedere se un lavoratore con co.co.pro. scaduto il 31/12/2014 ha il diritto alla dis-coll se attualmente è disoccupato?
          Grazie

      • fede
        Gennaio 19, 10:58 Reply

        buongiorno, le chiedo un parere circa i seguenti aspetti:
        Sono Federica di anni 23, il mio primo contratto di lavoro a tempo indeterminato come aiuto commessa presso una società privata è stato dal 17.03.2012 al 31.12.2012 con 24 ore settimale con un reddito di euro 8.967,95 , rinnovato con 12 ore settimale dal 1.01.2013 al 31,12,2013 con un reddito di euro 7.998,59,
        – dal 10.10.2014 risulto disoccupata ed iscritta presso il Centro d’Impiego ,
        – vorrei sapere se rientro con le nuove norme 2015 circa i benefici per l’azienda per nuovo contratto a tempo indeterminato presso altra azienda con altra mansione.
        Grazie – Federica

    • marialuisa santoro
      Dicembre 19, 11:40 Reply

      Buonasera Sabrina,
      finchè non verrà emanato il decreto attuativo riguardante lo sgravio triennale, non sarà possibile procedere con le assunzioni agevolate.
      L’articolo 12 della legge di stabilità 2015, nell’elencare le limitazioni all’applicazione dello sgravio triennale, si riferisce espressamente ai rapporti di lavoro a tempo indeterminato. Per cui, è ipotizzabile, che Lei possa essere assunta con contratto a tempo indeterminato usufruendo dello sgravio triennale. Bisogna però attendere l’approvazione definitiva.

      • Sabrina
        Dicembre 19, 12:01 Reply

        Grazie Marialuisa.

        E’ possibile definire se la legge sia retroattiva? Ossia, l’azienda potrebbe stipulare il contratto a gennaio e beneficiare degli incentivi quando usciranno i decreti attuativi? In caso negativo, per non vanificare la possibilità dello sgravio, l’unica strada percorribile è quella di non rinnovare temporaneamente il contratto?

        Grazie.

        • marialuisa santoro
          Dicembre 23, 16:22 Reply

          Buonasera Sabrina,
          non credo che la Legge sia retroattiva, ed i benefici legati all’assunzione con sgravio triennale, è presumibile che siano validi solo nel momento in cui ci sarà l’approvazione definitiva.
          Per cui, è sempre meglio rinnovare il contratto a tempo determinato, se è possibile, in attesa delle linee guida definitive.

    • marialuisa santoro
      Gennaio 09, 16:31 Reply

      Buonasera Sabrina,
      c’è stato un ulteriore chiarimento in merito alla possibilità di trasformare un contratto a tempo determinato scaduto il 31/12/2014 in contratto a tempo indeterminato usufruendo dello sgravio triennale. In effetti l’assunzione deve essere una “nuova assunzione” per cui, ci dovrà essere l’interruzione e la nuova assunzione dopo qualche giorno

      • Sabrina
        Febbraio 25, 00:03 Reply

        Grazie Marialuisa,
        le chiedo un ultimo chiarimento. Il mio datore di lavoro a inizio gennaio ha deciso di farmi un’estensione del contratto determinato di ulteriori 6 mesi, il che comporta che il mio contratto scadrà il prossimo giugno. Dalla circolare INPS n. 17 del 29 gennaio paragrafo 4, mi sembra di capire che il fatto che abbia avuto un contratto per più di sei mesi non costituisca un problema per usufruire dell’agevolazione, ma la mia domanda è la seguente: possiamo trasformare subito il contratto da determinato a indeterminato o dobbiamo attendere il termine naturale?

        In caso sia necessario attendere, in base alle stime del vostro settore, pensa che possa sussistere il rischio che a giugno siano terminati i fondi messi a disposizione?

        Una variazione dell’attuale contratto, ad esempio un inquadramento in un livello superiore e/o con responsabilità differenti, permetterebbe di considerare l’assunzione come nuova e di non dover quindi aspettare giugno?

        Grazie ancora per la disponibilità.

        • Sabrina
          Febbraio 26, 15:21 Reply

          Leggo ora la risposta che ha dato il 4 febbraio a Federico. Quindi la trasformazione prima della scadenza naturale del contratto è possibile. E’ corretto?

          Grazie

  9. leonardo
    Dicembre 15, 11:32 Reply

    Salve. Il beneficio riguarderà tutti i lavoratori o ci sono limiti di età. Grazie.

  10. Daniele
    Dicembre 12, 12:55 Reply

    Scusate una cosa..
    ma al lavoratore verranno versati i contributi ai fini pensionistici oppure verrà versata solo la quota a carico dipendente?

    • Marialuisa Santoro
      Dicembre 16, 15:29 Reply

      Buonasera Daniele,
      ancora non è chiara la tipologia dello sgravio poichè da un lato sembrerebbe avere natura di “sgravio contributivo” e quindi agevolazione contributiva, dall’altro di “esonero contributivo”.
      In ogni caso, i tre anni di assunzione sono validi ai fini pensionistici.

Lascia un commento