Qual è la decorrenza del licenziamento GMS per assenza ingiustificata?

Qual è la decorrenza del licenziamento GMS per assenza ingiustificata?
image_pdfimage_print

Salvo diversa indicazione dell’azienda, la decorrenza del licenziamento è il giorno della comunicazione della contestazione disciplinare al lavoratore. Detta indicazione viene fornita dall’articolo 1, comma 41, della Legge 92/2012: “Il licenziamento intimato all’esito del procedimento disciplinare di cui all’articolo 7 della legge  20  maggio  1970,  n.300, …, produce effetto dal giorno della comunicazione con cui il procedimento medesimo  è  stato  avviato, salvo l’eventuale diritto del  lavoratore  al  preavviso  o  alla  relativa  indennità sostitutiva; …. Il periodo di eventuale lavoro svolto in costanza della procedura si considera come preavviso lavorato”.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 466 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Meno carta, più telematica. Obiettivo minimo: abolire almeno la metà delle norme esistenti.

Il disegno di Legge Delega del Jobs Act del Governo Renzi, attualmente all’esame del Senato, prevede all’articolo 3 una disciplina di principio in tema di semplificazione delle procedure amministrative e

Ho un lavoratore a tempo determinato che ha superato i 6 mesi ed ha acquisito il diritto di precedenza. Dovendo fare una nuova assunzione a tempo indeterminato, devo assumere questo lavoratore e non potrò richiedere l’agevolazione Renzi?

Il lavoratore acquisisce il diritto di precedenza esclusivamente alla cessazione di un rapporto di lavoro ordinario a Tempo Determinato e dopo che ha confermato, per iscritto, la volontà di avvalersi

È possibile gestire un ex collaboratore a progetto con i voucher ?

Nulla vieta che la collaborazione venga rimodulata attraverso l’utilizzo del Lavoro Accessorio. L’unico limite previsto dalla legislazione, per usufruire di questa tipologia di lavoro, è quello economico: massimo 2.020 euro

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento