fbpx

Qual è la procedura per le dimissioni di una dipendente che si è sposata 6 mesi fa? L’azienda come può essere sicura di aver chiuso il rapporto di lavoro?

Qual è la procedura per le dimissioni di una dipendente che si è sposata 6 mesi fa? L’azienda come può essere sicura di aver chiuso il rapporto di lavoro?

La lavoratrice, per definire le sue dimissioni, deve compiere una duplice procedura: quella prevista dall’art. 26 del D.lvo 151/2015 (c.d. dimissioni online) e quella prevista dall’articolo 35, comma 4 del d.lgs.198/2006 (convalida da parte dell’Ispettorato del lavoro, prevista per le dimissioni durante il primo anno dal matrimonio).

In pratica, la lavoratrice potrà rivolgersi all’Ispettorato del lavoro, in primis per effettuare la nuova procedura online di presentazione delle dimissioni e poi convalidando, sempre da parte dell’Ispettorato del lavoro, dette dimissioni, quale lavoratrice nell’anno dal matrimonio.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 695 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

I buoni pasto rientrano nelle erogazioni liberali nel limite di 258 euro?

I buoni pasto non rientrano tra le erogazioni liberali (limite 258,23 euro annuali) ma sono gestiti nei limiti previsti dall’articolo 51, comma 2, lett. c), del TUIR: c) le somministrazioni

Ho sentito parlare dell’agevolazione per laureati, visto che mio figlio si sta per laureare, mi può dire sinteticamente di cosa si tratta?

È una decontribuzione, di 12 mesi, per l’azienda che assume. Si tratta di pagare meno contributi INPS, fino ad 8.000 euro sulla quota a carico del datore di lavoro, in favore

Qual è la sanzione prevista nel caso in cui l’azienda non effettui la sorveglianza sanitaria per lavoro notturno?

L’azienda ha l’obbligo, in caso di lavoratori notturni, di effettuare la sorveglianza sanitaria sullo stato di salute, che prevede visite di controllo preventive e periodiche (almeno ogni 2 anni –

2 Commenti

  1. TERESA
    Maggio 30, 17:19 Reply

    un lavoratore con contratto di apprendistato può svolgere il lavoro intermittente presso altra azienda?
    Grazie

    • Roberto
      Maggio 30, 21:20 Reply

      Sì, nel rispetto dell’orario massimo di lavoro e dei riposi giornalieri e settimanali.

Lascia un commento

Indirizzo E-mail già esistente.