Qual è la procedura per le dimissioni di una dipendente che si è sposata 6 mesi fa? L’azienda come può essere sicura di aver chiuso il rapporto di lavoro?

Qual è la procedura per le dimissioni di una dipendente che si è sposata 6 mesi fa? L’azienda come può essere sicura di aver chiuso il rapporto di lavoro?
image_pdfimage_print

La lavoratrice, per definire le sue dimissioni, deve compiere una duplice procedura: quella prevista dall’art. 26 del D.lvo 151/2015 (c.d. dimissioni online) e quella prevista dall’articolo 35, comma 4 del d.lgs.198/2006 (convalida da parte dell’Ispettorato del lavoro, prevista per le dimissioni durante il primo anno dal matrimonio).

In pratica, la lavoratrice potrà rivolgersi all’Ispettorato del lavoro, in primis per effettuare la nuova procedura online di presentazione delle dimissioni e poi convalidando, sempre da parte dell’Ispettorato del lavoro, dette dimissioni, quale lavoratrice nell’anno dal matrimonio.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 481 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Qual è la differenza tra magazzino/deposito dove il personale può recarsi e unità produttiva dichiarata come tale?

Un recente messaggio dell’INPS (n. 1444 del 31 marzo 2017) chiarisce la differenza, ai fini CIGO e della CIGS, tra unità produttiva ed unità operativa Unità operativa: il luogo dove

Se una persona, iscritta nelle liste di mobilità, lavora con contratto a termine 12 mesi e poi successivamente viene confermata a tempo indeterminato entro il 2015, l’azienda, oltre ad avere lo sgravio per i successivi 12 mesi gode anche delle agevolazioni degli 8mila euro per 3 anni ?

In relazione agli incentivi per l’assunzione di lavoratori iscritti nelle liste di mobilità ex art. 6 della legge n. 223/1991, risulta cumulabile con l’esonero contributivo esclusivamente il contributo di cui

È possibile inserire una tirocinante in produzione?

In linea di massima, non vi sono preclusioni nell’inserire un tirocinante in produzione, rispettando le prerogative del tirocinio quale strumento deputato alla formazione e non all’attività lavorativa. Inoltre, andranno verificate

2 Commenti

  1. TERESA
    maggio 30, 17:19 Reply

    un lavoratore con contratto di apprendistato può svolgere il lavoro intermittente presso altra azienda?
    Grazie

    • Roberto
      maggio 30, 21:20 Reply

      Sì, nel rispetto dell’orario massimo di lavoro e dei riposi giornalieri e settimanali.

Lascia un commento