Un’azienda del settore Alimentari può assumere con contratti di lavoro intermittente?

Un’azienda del settore Alimentari può assumere con contratti di lavoro intermittente?
image_pdfimage_print

Nel settore Alimentari, gli unici CCNL che disciplinano il lavoro intermittente sono:

  • Alimentari (industria) – Federdat/Consil
  • Alimentari (piccola industria)

In mancanza di disposizioni da parte del CCNL, è possibile attivare il lavoro intermittente in 2 modi:

  1. con lavoratori che hanno meno di 24 anni di età o più di 55 anni. Nel primo caso, le prestazioni devono cessare al raggiungimento dei 25 anni di età;
  2. nel caso in cui venga disciplinato da un Contratto collettivo aziendale (c.d. di 2° livello). Ciò in virtù di quanto previsto dall’articolo 13, comma 1, del DLvo 81/2015 e dall’articolo 51 dello stesso DLvo 81/2015 (c.d. TU sui Contratti di Lavoro).

Ricordo i seguenti principi:

  • ad ogni prestazione richiesta al lavoratore, deve essere effettuata una previa comunicazione al sito cliclavoro.gov.it;
  • Un lavoratore non può superare, nell’arco di 3 anni solari, il massimale di 400 giornate di effettivo lavoro;
  • Nel caso in cui il lavoratore sia beneficiario della NASpI, l’indennità resta sospesa per le sole giornate di effettiva prestazione lavorativa e può essere riconosciuta limitatamente ai periodi interni al contratto non interessati da prestazione lavorativa tra una chiamata e l’altra. Il lavoratore, entro un mese dalla ripresa dell’attività lavorativa, è obbligato a comunicare il nuovo contratto intermittente, ed il reddito che prevede di realizzare. Ciò al fine del rispetto del limite annuo di 8.000 euro per il mantenimento dello stato di disoccupazione.
  • In virtù di quanto precisato dal Ministero del Lavoro, con l’interpello n. 72/2009, il contratto intermittente non soggiace alle regole sul contratto a termine. Infatti, il Ministero specifica che: “Il ricorso al tempo determinato nelle prestazioni di lavoro intermittenti, tuttavia, non deve indurre a ritenere che al lavoro a chiamata si debba applicare la disciplina del lavoro a tempo determinato. Infatti, come già evidenziato da questo Ministero con circ. n. 4/2005, per il lavoro intermittente non trova, in alcun modo, applicazione il D.Lgs n. 368/2001.”

 

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 427 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento