Con il consenso del lavoratore, ho intenzione di cedere il contratto di lavoro ad un’altra azienda. Quale è la procedura di base?

Con il consenso del lavoratore, ho intenzione di cedere il contratto di lavoro ad un’altra azienda. Quale è la procedura di base?
image_pdfimage_print

La cessione di un contratto di lavoro è disciplinata dall’art. 1406 del codice civile. La procedura può essere così sintetizzata:

  • Sottoscrivere un accordo tra le parti che vada a definire i rapporti con la cedente e con la cessionaria (nuovo datore di lavoro). Ritengo che la sottoscrizione dell’accordo debba avvenire, per una maggiore tutela delle parti, in sede protetta (presso l’Ispettorato del lavoro o in sede sindacale) ai sensi dell’art. 410 o 411 del c.p.c.
  • Comunicare al Centro per l’impiego la cessione di contratto;
  • Erogare l’ultima retribuzione e le competenze di fine rapporto.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 466 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Sono un lavoratore dipendente e il mese prossimo diventerò papà. Ho diritto a dei permessi retribuiti per la nascita di mio figlio?

L’articolo 4 comma 24 della legge 92/2012, cosiddetta Riforma Fornero, a partire dal 1° gennaio 2013, ha istituito per il padre, lavoratore dipendente, in caso di nascita di un figlio,

È possibile assumere un ragazzo di 16 anni con l’apprendistato per la qualifica e il diploma professionale?

Per effettuare una assunzione di un ragazzo di 16 anni deve verificare, oltre la corretta tipologia contrattuale che, a mio avviso, può essere quella dell’apprendistato di c.d. primo livello, anche

Un dirigente della mia azienda si è lamentato della forfettizzazione delle ore di straordinario e quindi del mancato rispetto del massimale di ore straordinarie previste dalla legge e dal ccnl di riferimento. Ha ragione?

Ai dirigenti non si applicano le disposizioni sul lavoro straordinario , previste all’art. 5 del d.l.vo 66/2003; sempre, comunque, nel rispetto dei principi

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento