Per quanti anni devo conservare il libro unico del lavoro?

Per quanti anni devo conservare il libro unico del lavoro?
image_pdfimage_print

 

A norma dell’articolo 6, del Decreto 9 luglio 2008 del Ministero del Lavoro, l’obbligo di conservazione del libro unico del lavoro è di 5 anni dalla data di ultima registrazione.
La mancata conservazione del libro unico del lavoro comporta una sanzione amministrativa da 100 a 600 euro.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 450 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Come ci si regola se viene chiesto dal lavoratore un permesso per esami?

Per la risposta occorre avere presenti sia l’art. 10 della legge n. 300/1970 che l’art. 13 della legge n. 845/1978. Tutti i lavoratori che studiano, compresi i c.d. “fuori corso”

Posso sospendere il rapporto di lavoro prima del termine procedurale previsto per il licenziamento per giusta causa?

Il datore di lavoro ha la facoltà di sospendere cautelativamente il rapporto di lavoro con un proprio dipendente durante la procedura prescritta dall’art. 7 dello Statuto dei Lavoratori, qualora ritenga

E’ possibile limitare o annullare l’intervallo che la legge prevede in caso di rinnovo di contratti a termine, con un accordo sindacale di secondo livello ?

Sì, l’articolo 5, comma 3, del D.L. vo 368/2001, stabilisce che le regole relative al c.d. “stop & go” non valgono qualora siano previste ipotesi individuate dai contratti collettivi, anche

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento