Per quanti anni devo conservare il libro unico del lavoro?

Per quanti anni devo conservare il libro unico del lavoro?

 

A norma dell’articolo 6, del Decreto 9 luglio 2008 del Ministero del Lavoro, l’obbligo di conservazione del libro unico del lavoro è di 5 anni dalla data di ultima registrazione.
La mancata conservazione del libro unico del lavoro comporta una sanzione amministrativa da 100 a 600 euro.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 502 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

È possibile “girare” ad una azienda con noi collegata, un nostro dipendente che svolge attività di RSPP?

  A mio avviso, non è possibile inviare in distacco/trasferta un proprio RSPP per svolgere la medesima attività presso un’azienda collegata. La normativa parla di nomina, che deve avvenire da

Vogliamo erogare un patto di non concorrenza ad un ex dipendente dimessosi. Sul valore che daremo dovrà essere applicata la contribuzione?

Ritengo di sì. In tal senso si è espressa anche la Corte di Cassazione (sentenza n. 16489 del 15 luglio 2009), la quale ha affermato che il patto di non

Esiste ancora il certificato medico di idoneità per l’assunzione degli apprendisti e dei minori?

L’art. 42 del Decreto Legge n. 69/2013 (c.d. Decreto del Fare) ha previsto la soppressione del certificato medico di idoneità per l’assunzione degli apprendisti e dei minori. Pertanto, dal 22

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento