Per quanti anni devo conservare il libro unico del lavoro?

Per quanti anni devo conservare il libro unico del lavoro?
image_pdfimage_print

 

A norma dell’articolo 6, del Decreto 9 luglio 2008 del Ministero del Lavoro, l’obbligo di conservazione del libro unico del lavoro è di 5 anni dalla data di ultima registrazione.
La mancata conservazione del libro unico del lavoro comporta una sanzione amministrativa da 100 a 600 euro.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 466 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Sono disoccupato, volevo sapere se ho diritto all’Assegno di Ricollocazione.

L’Assegno di ricollocazione è destinato a chi ha la NASpI (indennità di disoccupazione) da almeno 4 mesi. Si tratta di una somma che il disoccupato può utilizzare indirettamente attraverso soggetti

La mia azienda sta aprendo una nuova unità produttiva. Posso avere le agevolazioni previste per le Start-up innovative? Tra cui assumere lavoratori a termine senza il limite percentuale?

L’apertura di una nuova unità produttiva non evidenzia, di per se, la costituzione di una Start-up innovativa. Deve verificare i requisiti previsti dall’articolo 25 del Decreto Legge 179/2012 convertito, con

Con il nuovo d.l.vo n. 81/2015 devo cambiare anche la modulistica ? Devo prevedere il nuovo riferimento normativo?

Sì, per tutta la modulistica impiegata per i rapporti di lavoro, bisogna cambiare i riferimenti normativi. Ad esempio, in caso di assunzione a termine, si dovrà prevedere nell’oggetto: Assunzione a

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento