Come si calcola il TFR nei contratti di solidarietà?

Le quote di TFR, nella misura della retribuzione persa, sono accantonate ed addebitate all’INPS.
Nella sostanza, il datore calcola il TFR dividendo per 13,5 la retribuzione relativa alle ore stabilite nel CDS ed a quelle di assenza: il datore deve, altresì, determinare l’importo prendendo la retribuzione che sarebbe spettata per le ore in caso di prestazione intera, con comunicazione all’INPS, alla scadenza del contratto di solidarietà, dei nomi dei lavoratori, con l’indicazione delle quote di retribuzione perse prese a base di calcolo per l’integrazione salariale. L’INPS, con messaggio n. 18092/2013, ha affermato che i datori di lavoro possono recuperare le quote di TFR pese alla conclusione del periodo di contratto di solidarietà. Tali operazioni vanno effettuate entro l’anno solare di conclusione del CDS.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 510 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

L’ispettorato del lavoro in data 24/07/2015 ha verbalizzato un lavoratore a nero immediatamente regolarizzato con unilav è possibile dopo la regolarizzazione godere della legge 190/2014?

No, in quanto l’esonero contributivo può essere richiesto esclusivamente nel caso in cui l’assunzione avvenga senza alcun obbligo normativo o contrattuale. In questo caso, a monte dell’assunzione del lavoratore, vi

Nel caso di licenziamento esiste la possibilità del solo risarcimento economico purché il licenziamento avvenga per motivo soggettivo o oggettivo: cosa si intende in particolare?

Quali casi possono considerarsi validi per un licenziamento? Il nuovo contratto a tutele crescenti prevede la reintegra soltanto in casi limite: licenziamento discriminatorio (o nullo: es. licenziamento durante il periodo

È vero che il Ministro del Lavoro ha previsto dei controlli per chi ha assunto dei lavoratori con l’incentivo del jobs act?

Il Ministero del Lavoro ha notato alcuni comportamenti fraudolenti circa l’utilizzo improprio dell’esonero contributivo triennale previsto dalla Legge di Stabilità 2015 ed ha scritto ai propri ispettori (lettera circolare n.

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento