Come si calcola il TFR nei contratti di solidarietà?

Le quote di TFR, nella misura della retribuzione persa, sono accantonate ed addebitate all’INPS.
Nella sostanza, il datore calcola il TFR dividendo per 13,5 la retribuzione relativa alle ore stabilite nel CDS ed a quelle di assenza: il datore deve, altresì, determinare l’importo prendendo la retribuzione che sarebbe spettata per le ore in caso di prestazione intera, con comunicazione all’INPS, alla scadenza del contratto di solidarietà, dei nomi dei lavoratori, con l’indicazione delle quote di retribuzione perse prese a base di calcolo per l’integrazione salariale. L’INPS, con messaggio n. 18092/2013, ha affermato che i datori di lavoro possono recuperare le quote di TFR pese alla conclusione del periodo di contratto di solidarietà. Tali operazioni vanno effettuate entro l’anno solare di conclusione del CDS.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 557 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Ho ricevuto dalla mia azienda un provvedimento disciplinare ingiusto. Come fare ricorso?

L’articolo 7 dello Statuto dei Lavoratori prevede la possibilità, entro 20 giorni dalla notifica del provvedimento disciplinare, che il lavoratore ricorra al Collegio di conciliazione ed arbitrato previsto presso l’Ispettorato

La restituzione del contributo addizionale avviene in caso di trasformazione del rapporto a tempo indeterminato?

Nella norma che prevede la restituzione del contributo addizionale (applicato al contratto a termine) viene indicato che detta restituzione avviene in caso di trasformazione del rapporto a tempo indeterminato, solo

Un lavoratore che percepisce un’indennità di sostegno del reddito può prestare la propria attività attraverso il lavoro accessorio ?

L’art. 8 della legge n. 15/2014 ha prorogato al 31 dicembre 2014 la possibilità per i titolari di prestazioni di sostegno al reddito, di effettuare prestazioni di lavoro accessorio nel

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento