Un lavoratore deve rientrare in azienda dopo una assenza per malattia di 3 mesi, ho saputo che l’azienda non può farlo rientrare senza una visita medica di idoneità. È così?

Un lavoratore deve rientrare in azienda dopo una assenza per malattia di 3 mesi, ho saputo che l’azienda non può farlo rientrare senza una visita medica di idoneità. È così?
image_pdfimage_print

Il D.L.vo n. 106/09 ha incrementato l’elenco delle visite mediche ricomprese nella disciplina della sorveglianza sanitaria, introducendo la lettera e-ter), al comma 2, dell’art. 41, del D.lgs. n. 81/08, stabilendo che a seguito di assenza per motivi di salute di durata superiore a 60 giorni continuativi, è obbligatorio verificare l’idoneità alla mansione (qualsiasi essa sia) attraverso una visita medica. Quindi il lavoratore, scaduto il periodo di malattia, non potrà rientrare al lavoro se non previa effettuazione della relativa visita medica che accerti la sua idoneità alla mansione.

 

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 495 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Con la nuova procedura telematica, le dimissioni chieste da una signora in maternità facoltativa (il bimbo ha 6 mesi) per il tramite di una organizzazione sindacale sono valide?

No. La risoluzione consensuale del rapporto o la richiesta di dimissioni presentate dalla lavoratrice, durante il periodo di gravidanza, e dalla lavoratrice o dal lavoratore durante i primi 3 anni di vita del bambino

Ho urgenza di incrementare l’ orario di un dipendente disabile per computarlo, attualmente è in malattia e non so quando rientra. ​ E’ possibile incrementare comunque l’ orario di lavoro?

Se il lavoratore disabile è in part-time, qualsiasi rimodulazione definitiva dell’ orario di lavoro deve essere condivisa ed accettata dal lavoratore, per cui se non rientra in azienda non può

Il limite massimo di contratti a tempo determinato che posso stipulare è sempre il 20% dei tempi indeterminati presenti in azienda?

Sì, sempreché l’azienda non applichi un contratto collettivo che disciplini il limite massimo dei contratti a termine. In questo caso, si applica detto limite e non quello previsto dalla legge

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento