fbpx

Un lavoratore deve rientrare in azienda dopo una assenza per malattia di 3 mesi, ho saputo che l’azienda non può farlo rientrare senza una visita medica di idoneità. È così?

Un lavoratore deve rientrare in azienda dopo una assenza per malattia di 3 mesi, ho saputo che l’azienda non può farlo rientrare senza una visita medica di idoneità. È così?

Il D.L.vo n. 106/09 ha incrementato l’elenco delle visite mediche ricomprese nella disciplina della sorveglianza sanitaria, introducendo la lettera e-ter), al comma 2, dell’art. 41, del D.lgs. n. 81/08, stabilendo che a seguito di assenza per motivi di salute di durata superiore a 60 giorni continuativi, è obbligatorio verificare l’idoneità alla mansione (qualsiasi essa sia) attraverso una visita medica. Quindi il lavoratore, scaduto il periodo di malattia, non potrà rientrare al lavoro se non previa effettuazione della relativa visita medica che accerti la sua idoneità alla mansione.

 

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 809 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

2 Commenti

  1. aldo
    Giugno 10, 18:28 Reply

    buona sera, quindi per quanto da lei scritto sopra, il datore di lavoro è obbligato ad inviare tutti i lavoratori che si sono assentati dal lavoro per oltre 60 giorni a prescindere dalla mansione che svolgono, anche se questa non rientra tra quelle previste dalla sorveglianza sanitaria?
    ho capito bene?
    grazie per la risposta

Lascia un commento