Un lavoratore deve rientrare in azienda dopo una assenza per malattia di 3 mesi, ho saputo che l’azienda non può farlo rientrare senza una visita medica di idoneità. È così?

Un lavoratore deve rientrare in azienda dopo una assenza per malattia di 3 mesi, ho saputo che l’azienda non può farlo rientrare senza una visita medica di idoneità. È così?
image_pdfimage_print

Il D.L.vo n. 106/09 ha incrementato l’elenco delle visite mediche ricomprese nella disciplina della sorveglianza sanitaria, introducendo la lettera e-ter), al comma 2, dell’art. 41, del D.lgs. n. 81/08, stabilendo che a seguito di assenza per motivi di salute di durata superiore a 60 giorni continuativi, è obbligatorio verificare l’idoneità alla mansione (qualsiasi essa sia) attraverso una visita medica. Quindi il lavoratore, scaduto il periodo di malattia, non potrà rientrare al lavoro se non previa effettuazione della relativa visita medica che accerti la sua idoneità alla mansione.

 

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 452 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Se ad un dipendente iscritto nelle liste di mobilità con regolare assegno viene attivato uno stage di inserimento, può continuare a percepirlo, restando iscritto?

Nessun problema ad instaurare un rapporto di tirocinio di inserimento, in quanto non essendo un rapporto di lavoro non viene considerata l’indennità di partecipazione ai fini dell’assegno mobilità.

È obbligatorio il periodo di preavviso, in caso di licenziamento per giustificato motivo oggettivo?

Il lavoratore può essere dispensato dal periodo di preavviso. In questo caso, però, il datore di lavoro è tenuto a corrispondere l’indennità sostitutiva del preavviso che è pari alla retribuzione

Ho sottoscritto, in maggio, un impegno all’assunzione per un contratto a tempo determinato per 24 mesi, con decorrenza 15/09/18. È valido l’impegno per evitare la causale?

Ho sottoscritto, in maggio, con un lavoratore un impegno all’assunzione per un contratto a tempo determinato per 24 mesi, con decorrenza 15 settembre 2018. Posso ritenere valido questo impegno per

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento