Ho un contratto part-time in essere. Se volessi cambiare l’orario di lavoro, cosa devo fare? Posso obbligare la lavoratrice?

Ho un contratto part-time in essere. Se volessi cambiare l’orario di lavoro, cosa devo fare? Posso obbligare la lavoratrice?
image_pdfimage_print

La modifica dell’orario di lavoro, in caso di part-time, deve essere condivisa ed accettata dal lavoratore/trice. Non può essere effettuata unilateralmente dall’azienda. Diverso è il discorso relativo alla possibilità che per motivi organizzativi e produttivi e per un lasso di tempo ristretto, il datore di lavoro possa modificare temporaneamente l’orario di lavoro. In questo caso deve essere stata prevista, all’interno del contratto individuale, una clausola elastica che disciplini le modalità di modifica dell’orario.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 450 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Con la prossima introduzione del contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti , l’ apprendistato verrà rivisto? magari riducendo la formazione?

No, non è in programma una rivisitazione dell’apprendistato che è stato, di recente, modificato dalla Legge

Un contratto aziendale che prevede una Flessibilità oraria potrebbe portare uno sgravio contributivo come previsto dal Decreto interministeriale 12-9-2017 in materia di conciliazione vita-lavoro?

Purtroppo non ci sono i requisiti per richiedere le agevolazioni previste dal Decreto interministeriale 12 settembre 2017, in quanto mancano alcuni elementi fondamentali previsti dalla norma: Si deve trattare di Contratti

Nel caso un’azienda (in Emilia Romagna) avesse effettuato “licenziamenti per superamento periodo di comporto” può attivare tirocini?

L’articolo 26-bis della Legge Regionale Emilia Romagna n. 17/2005 prevede, perché si possano utilizzare tirocinanti, che l’azienda (soggetto ospitante) non abbia effettuato licenziamenti, salvi quelli per giusta causa e per

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento