fbpx

Attivare un tirocinio ​in Piemonte con un lavoratore in Naspi (FAQ)

Attivare un tirocinio ​in Piemonte con un lavoratore in Naspi (FAQ)

Nel caso in cui attivassimo il tirocinio è possibile erogare l’indennità prevista?

Sì, è obbligatorio corrispondere una indennità di partecipazione al tirocinante. Il minimo previsto dalla Regione Piemonte è pari a € 600,00 lordi mensili per un impegno di 40 ore settimanali.

Si possono cumulare la Naspi e l’indennità di Tirocinio? percependo già la Naspi occorre corrispondere solo un rimborso spese?

Sì, il tirocinio non è considerato un rapporto di lavoro e la partecipazione allo stesso non fa perdere lo stato di disoccupazione. Pertanto, lo svolgimento dello stesso e la percezione della relativa indennità sono compatibili con l’erogazione della NASpI (circolare Inps 47/2016).

La Naspi in caso di tirocinio viene sospesa?

No.

L’indennità di tirocinio è esente o è soggetto ai fini previdenziali e fiscali? Anche se viene corrisposta di un valore superiore?

L’indennità di tirocinio non soggiace alla corresponsione di una contribuzione previdenziale; mentre, dal punto di vista fiscale, è considerata reddito assimilato a quelli da lavoro dipendente (cfr. art. 50 del D.P.R. n. 917 del 1986, TUIR). Pertanto l’indennità di tirocinio deve essere dichiarata nell’ISEE.

Faccio, infine, presente che la Deliberazione della Giunta Regionale del Piemonte, n. 74-5911 del 3 giugno 2013, stabilisce che nel caso in cui l’impresa abbia proceduto, nei 6 mesi precedenti, ad effettuare licenziamenti collettivi o licenziamenti individuali o plurimi per giustificato motivo oggettivo, nonché procedure di mobilità per riduzione di personale, essa ha comunque la possibilità di ospitare tirocinanti limitatamente alle aree organizzative (uffici, reparti) ed alle figure professionali non interessate dalla riduzione di personale.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 645 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Abbiamo previsto, nel nostro CCNL, dei permessi retribuiti (non istituzionalizzati dal CCNL) che potrebbero portare allo sgravio contributivo previsto dal Decreto sulla conciliazione vita-lavoro del 12 settembre 2017?

Prima di richiedere le agevolazioni previste dal DM 12 settembre 2017, l’azienda deve verificare i seguenti requisiti fondamentali previsti dalla norma: Si deve trattare di Contratti aziendali sottoscritti e depositati

La capo gruppo dell’azienda presso la quale lavoro è in America. Nei prossimi mesi dovrà venire qui da noi un loro specialista per alcuni mesi di lavoro. Quale è la procedura da seguire?

La scelta migliore ricade sull’art. 27, comma 1, lett. a), del Decreto Legislativo n. 286/1998 (Testo Unico per l’Immigrazione). La norma stabilisce che il personale altamente specializzato di società aventi

Se un lavoratore chiede un congedo per la formazione extra lavorativa come ci si deve comportare?

L’art. 5 della legge n. 53/2000 stabilisce che i lavoratori con almeno 5 anni di servizio presso lo stesso datore possono chiedere una sospensione non retribuita dal rapporto di lavoro

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento