Nel calcolo delle 30 giornate effettive di lavoro nei 12 mesi precedenti, per avere la NASPI, rientrano anche i giorni di malattia che hanno procurato il licenziamento per superamento del periodo di comporto?

Nel calcolo delle 30 giornate effettive di lavoro nei 12 mesi precedenti, per avere la NASPI, rientrano anche i giorni di malattia che hanno procurato il licenziamento per superamento del periodo di comporto?

Le giornate di lavoro effettivo per avere la NASPI sono le giornate di effettiva presenza al lavoro a prescindere dalla loro durata oraria. In particolare, esse sono indicate nel flusso mensile UNIEMENS – con i quali i datori di lavoro trasmettono i dati retributivi e contributivi – col codice “S”. A questo fine la malattia (nel caso non vi sia integrazione della retribuzione da parte del datore di lavoro), che si verifica o sia in corso nei 12 mesi che precedono l’inizio del periodo di disoccupazione, determina un ampliamento – pari alla durata della malattia stessa – del periodo di 12 mesi all’interno del quale ricercare il requisito delle 30 giornate. Gli altri eventi che seguono lo stesso trattamento sono: l’infortunio, la cassa integrazione straordinaria e ordinaria con sospensione dell’attività a zero ore e le assenze per permessi e congedi fruiti dal lavoratore che sia coniuge convivente, genitore, figlio convivente, fratello o sorella convivente di soggetto con handicap in situazione di gravità.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 496 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Ho una lavoratrice che ha un figlio di 2 anni, deve presentare le dimissioni online?

Nei casi di dimissioni presentate da lavoratrice nel periodo di gravidanza o durante i primi 3 anni di vita del bambino, è richiesta esclusivamente la convalida delle stesse presso L’Ispettorato

Vorrei procedere con l’offerta conciliativa nei confronti di un lavoratore assunto in Jobs Act. Entro quanto posso…

Vorrei procedere con l’offerta conciliativa nei confronti di un lavoratore assunto in Jobs Act. Entro quanto posso procedere? Dalla data di comunicazione o dal termine del rapporto di lavoro? L’articolo

L’azienda presso la quale lavoro applica il CCNL che non disciplina l’apprendistato professionalizzante, così come modificato dal TU 167/2011; posso comunque assumere un apprendista con le vecchie regole ?

L’interpello n. 4/2013 del Ministero del Lavoro stabilisce che nel caso in cui il datore di lavoro applichi un contratto collettivo che non abbia disciplinato l’ apprendistato professionalizzante, è possibile

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento