fbpx

Può un’azienda che applica il CCNL Metalmeccanica, consentire solo 5,30H ore di lavoro supplementare?

Può un’azienda che applica il CCNL Metalmeccanica, consentire solo 5,30H ore di lavoro supplementare?

 

Riportiamo una testimonianza:

Nel 2008 la direzione risorse umane di un’azienda che applica il CCNL Metalmeccanica ha inviato una email di chiarimenti e indicazioni circa l’orario di lavoro del personale con contratto a tempo parziale, specificando che:

1. la prestazione di lavoro supplementare può essere effettuata in continuità dopo il termine dell’orario di lavoro concordato tra le parti solamente entro la durata massima complessiva (orario concordato più prestazione supplementare) pari a 5 ore e 30 minuti.


2. una prestazione di lavoro supplementare eccedente la misura massima di cui al punto 1 deve prevedere obbligatoriamente una pausa mensa di durata pari a minimo 40 minuti.

Attualmente ad un dipendente con orario part-time di 5 ore giornaliere e che occasionalmente lavora 6 ore giornaliere consecutive, viene cassata l’ultima mezz’ora lavorata (in quanto superato il limite di 5,30 ore consecutive) e pagata solamente mezz’ora di lavoro supplementare.
E’ lecito il comportamento adottato (max ore consecutive 5,30) alla luce di un diverso limite legislativo (possibile 6 ore consecutive) ?

Risposta:

Per quanto attiene al part-time nelle aziende che applicano il Ccnl Metalmeccanica industria, il lavoro supplementare è consentito per una quantità annua non superiore al 50% della normale prestazione annua a tempo parziale. Nel caso specifico, il lavoratore, in media, potrebbe effettuare 2,5 ore di lavoro supplementare.

Detto questo, il lavoro supplementare, alla stregua del lavoro straordinario, dovrebbe prevedere una autorizzazione preliminare da parte dell’azienda e non una facoltà in capo solo al lavoratore. Quindi, è possibile che l’azienda abbia deciso di rivedere le regole per il lavoro supplementare limitandole ad un massimale giornaliero che, nel caso di specie è di 5,30h.

In definitiva, non c’è un diritto del lavoratore a fare ore supplementare esclusivamente per suo interesse.

Per quanto riguarda l’ultimo quesito, la disciplina legislativa delle 6 ore e poi la pausa, può essere rivista dalla contrattazione collettiva che può disciplinare diversamente la materia.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 695 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

In caso di distacco di un lavoratore ad un’altra azienda, c’è qualche adempimento burocratico nei confronti della pubblica amministrazione ?

Sì, il distaccante (il datore di lavoro) deve effettuare una comunicazione telematica di distacco al Centro per l’Impiego entro

Assunzione a termine per ditte fino a 5 dipendenti

Domanda : Buongiorno, leggendo il DL 34/2014, avevo capito che rimaneva salvo i casi dell’art. 10 comma 7 dove si prevedeva le disposizioni dei contratti collettivi di lavoro per il numero

Un’azienda chiede la possibilità di variare ad un apprendista la mansione nel corso del periodo formativo. A questo punto ci chiedevamo quali adempimenti l’azienda deve predisporre perché la variazione non comporti alcun rischio per l’azienda e per il lavoratore.

Ritengo che la modifica possa avvenire esclusivamente rivedendo il Piano formativo individuale previsto per l’apprendista e semprechè il periodo di apprendistato già fruito non sia “evidente”. Dopodiché, per avere un imprimatur

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento

Indirizzo E-mail già esistente.