Per assumere un lavoratore americano specializzato, quali sono i requisiti previsti dalla normativa per bypassare i flussi annuali?

Per assumere un lavoratore americano specializzato, quali sono i requisiti previsti dalla normativa per bypassare i flussi annuali?
image_pdfimage_print

Vengono considerati altamente qualificati (Carta blu Ue – art. 27 quater) gli stranieri che sono in possesso:

  • di un titolo di istruzione superiore rilasciato dall’autorità competente nel Paese dove è stato conseguito, che attesti il completamento di un programma di istruzione superiore post-secondaria di durata almeno triennale (la documentazione deve essere tradotta e legalizzata dalla rappresentanza consolare italiana nel paese di residenza dello straniero). Oltre a tale requisito è necessario anche il possesso di una qualifica professionale superiore rientrare nei “livelli 1 e 2 e 3 della classificazione ISTAT delle professioni CP 2011”.
  • limitatamente all’esercizio delle professioni regolamentate, dei requisiti previsti dal D.L.vo 206/2007.

Ulteriore condizione prevista per tali ingressi è che i lavoratori stranieri siano assunti per l’esercizio di prestazioni lavorative da svolgersi per conto o sotto la direzione o il coordinamento di un’altra persona fisica o giuridica.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 443 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Cosa è il lavoro supplementare e come viene retribuito ?

Nel contratto a tempo parziale il lavoro supplementare è quello svolto oltre l’orario part-time concordato fino al limite previsto dalla contrattazione collettiva per il tempo pieno. Il CCNL prevede, in

Quali sono i nuovi importi che l'azienda deve pagare in caso di licenziamento?

Il contributo, per l’anno 2016, è pari a 486,95 euro per ogni anno di lavoro effettuato, fino ad un massimo di 3 anni. La quota mensile è pari a 40,58 euro/mese.

Nel caso di un lavoratore che utilizza i voucher sia con la disciplina vecchia che con quella nuova, pur avendo limiti economici diversi potrebbero essere cumulabili?

Ritengo di no in quanto trattasi di 2 norme diverse e la nuova norma (L. 96/2017) non richiama la precedente (DLvo 81/2015) quando parla di massimali.

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento