Per licenziare un lavoratore che ha raggiunto l'età pensionabile di vecchiaia, l'azienda deve attendere il raggiungimento dei 70 anni?

Per licenziare un lavoratore che ha raggiunto l'età pensionabile di vecchiaia, l'azienda deve attendere il raggiungimento dei 70 anni?

L’azienda può risolvere il rapporto di lavoro con un licenziamento “ad nutum” al raggiungimento dei requisiti pensionistici di vecchiaia del lavoratore (2016: 66 anni e 7 mesi). Il datore di lavoro avrebbe esclusivamente l’obbligo del preavviso.
L’eventuale continuazione oltre tale data deve essere condivisa dalle parti. L’interpretazione postula dalla sentenza n. 17589/2015, della Corte di Cassazione a Sezioni Unite che ha affermato che non sussiste un diritto del lavoratore alla prosecuzione del rapporto di lavoro fino a 70 anni, in quanto la norma offre solo la “possibilità che, grazie all’operare di coefficienti di trasformazione calcolati fino a 70 anni, si creino le condizioni per consentire ai lavoratori interessati la prosecuzione del rapporto di lavoro oltre i limiti previsti dalla disciplina del settore”, ma sempreché vi sia una concorde valutazione delle parti (datore di lavoro e dipendente) “sulla base di una reciproca valutazione di interessi”.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 496 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Quali sono le casistiche, previste dal legislatore, perché nasca l’obbligo di indicare la causale per assumere un lavoratore con contratto a tempo determinato?

Va sempre indicata la causale nei seguenti casi di sottoscrizione di un rapporto a tempo determinato, ai sensi dell’articolo 19 e ss del decreto legislativo 81/2015: primo contratto stipulato per

Vorremmo prevedere del welfare aziendale per i lavoratori. Quali sono i beni che non concorrono?

Non concorrono a formare reddito da lavoro dipendente, nel limite del 5 per mille dell’ammontare delle spese per prestazioni di lavoro dipendente risultante dalla dichiarazione dei redditi, qualora erogati dal

Ho un ristorante ed a volte mi trovo ad assumere un cameriere per urgenze, da un giorno all’altro. Mi può chiarire la procedura esatta?

In caso di assunzione di lavoratori cd “extra” nei settori turistico e pubblici esercizi, per rapporti di durata non superiore a 3 giorni, il datore di lavoro può comunicare al

1 Commento

  1. Nicoletta
    Gennaio 18, 22:02 Reply

    Gentilissimo dottor Camera
    Avrei un quesito sull’obbligatorietà o meno di esperire la procedura di conciliazione obbligatoria ex art. 7 legge 604/66 in caso di “licenziamento” di un lavoratore per il sopraggiungere dei requisiti anagrafici per la percezione della pensione di vecchiaia.
    L’azienda ha piu’ di 15 dipendenti e il lavoratore è stato assunto priam del 7 marzo 2015
    Il contratto collettivo di riferimento prevede espressamente che il rapporto di lavoro cessa automaticamente al raggiungimento dei requisiti per la pensione di vecchiaia.
    Posto che questo tipo di recesso viene attratto nell’ambito dei recessi ad nutum (senza motivazione) per effetto dell’art. 4 della legge 108/90 che stabilisce che l’art. 18 l. 300/70 non si applica ai lavoratori ultrasessantenni, in possesso dei requisiti pensionistici, sempre che non abbiano optato per la prosecuzione del rapporto di lavoro ai sensi della legge 54/82, è giusto non rispettare in tale caso il tentativo obbligatorio di conciliazione nanti la ITL?
    Grazie

Lascia un commento