Se un lavoratore chiede un congedo per la formazione extra lavorativa come ci si deve comportare?

image_pdfimage_print

L’art. 5 della legge n. 53/2000 stabilisce che i lavoratori con almeno 5 anni di servizio presso lo stesso datore possono chiedere una sospensione non retribuita dal rapporto di lavoro per:

  • completamento della scuola dell’obbligo;
  • conseguimento del titolo di studio di secondo grado, del diploma universitario o della laurea;
  • partecipazione ad attività formative diverse da quelle finanziate dal datore.

Il periodo, anche frazionato, non può eccedere gli 11 mesi nell’arco dell’intera vita lavorativa e non è cumulabile con ferie, malattia o altri istituti.
E’ prevista sia la sospensione del congedo per grave e documentata infermità che la conservazione del posto senza alcuna maturazione dell’anzianità di servizio.
La contrattazione collettiva può individuare le percentuali massime ed i tempi della richiesta e dell’eventuale diniego.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 479 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

È possibile recedere da un rapporto di lavoro consensualmente e allo stesso tempo ricevere la NASpI?

Vorrei procedere, con accordo con il lavoratore, ad una risoluzione consensuale ma, al tempo stesso, il lavoratore vorrebbe ricevere la NASPI. So che la cosa è possibile se l’accordo avviene

Come viene calcolato il rispetto del periodo di riposo settimanale da parte dell’ispettore del lavoro?

Così come chiarito dalla nota della Direzione generale per l’Attività Ispettiva del Ministero del Lavoro, n. 19428 del 14 dicembre 2009, si ha rispetto della disposizione contenuta nell’articolo 9 del

Posso detassare il premio risultato che non raggiunge i requisiti per la detassazione del 10%, qualora lo converta in welfare?

L’Agenzia delle Entrate, nella sua circolare n. 28/2016 (pagina 19 e 20), stabilisce che le agevolazioni previste dai commi 182 e ss. della legge 208/2015, al welfare sono applicabili esclusivamente

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento