Cassazione: estorsione in danno di lavoratrice

Secondo la Cassazione, il datore di lavoro che costringe un dipendente a firmare un foglio in bianco e a ritrattare le proprie dichiarazioni rilasciate agli ispettori dell’INAIL commette il reato di estorsione

Cassazione: estorsione in danno di lavoratrice

Con la sentenza n.629 dell’11 gennaio 2023, la Corte di Cassazione si è pronunciata sul reato di estorsione commesso da un datore di lavoro nei confronti di una lavoratrice.

Nello specifico, la sentenza ha riguardato il caso di un datore di lavoro che, sotto minaccia di licenziamento, aveva chiesto alla propria lavoratrice di firmare un foglio in bianco e di ritrattare le dichiarazioni rese agli ispettori dell’INAIL.

Secondo la Cassazione, il datore di lavoro che costringe un dipendente a firmare un foglio in bianco e a ritrattare le proprie dichiarazioni rilasciate agli ispettori dell’INAIL commette il reato di estorsione, in quanto, in base alla definizione di estorsione fornita dal Codice penale italiano, il reato avviene nel momento in cui si obbliga una persona a compiere o meno un atto, mediante violenza o minaccia di una conseguenza futura, con l’intento di procurarsi ingiustamente profitto per sé o per altri.

Autore

Redazione web
Redazione web 490 posts

Area comunicazione | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti gli articoli di questo autore →

0 Commenti

Non ci sono Commenti!

Si il primo a commentare commenta questo articolo!

Rispondi

Solo registrati possono commentare.