Licenziamenti e applicabilità art. 18 L. 300/70 (tutela reale): Come si calcolano le dimensioni aziendali?

image_pdfimage_print

Indicazioni in materia di dimensioni aziendali con riferimento alla materia dei licenziamenti individuali sono state fornite dal Ministero del Lavoro con la Circolare n.3 del 16 gennaio 2013 la quale chiarisce che “il calcolo della base numerica deve essere effettuato non già nel momento in cui avviene il licenziamento,ma avendo quale parametro di riferimento la c.d .”normale occupazione”nel periodo antecedente (gli ultimi 6 mesi), senza tener conto di temporanee contrazioni di personale” e precisa ulteriormente che in quelle aziende in cui,  “per motivi di mercato odi attività svolta in periodi predeterminati”, l’occupazione risulta “fluttuante”, si possono seguire le indicazioni giurisprudenziali che variano dal concetto di“media”a quello di “normalità della forza lavoro riferita all’organico necessario in quello specifico momento dell’anno”.

Altra importante puntualizzazione sulle modalità di computo del personale attiene al chiarimento secondo cui le previsioni riferite espressamente dalla legge n.92/2012 ai soli lavoratori a tempo parziale(da calcolarsi“pro-quota” in relazione all’orario pieno contrattuale,art.18, comma 8, primo periodo, legge n.300/1970),devono estendersi anche ai lavoratori intermittenti e a quelli in lavoro ripartito, che devono quindi essere “computati complessivamente in relazione all’orario svolto e che vanno considerati come un’unità allorquando l’orario complessivo coincida con il tempo pieno”. Si segnala,infine,che in base alle previsioni dell’art.18,comma 9,della legge n.300/1970, non si computano il coniuge e i parenti del datore di lavoro entro il secondo grado in linea diretta e in linea collaterale.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

Cambierà qualcosa con la Naspi ?

La Nuova Aspi ( Naspi )è prevista da un decreto applicativo del c.d. Jobs Act (Legge n. 183/2014), di prossima pubblicazione in gazzetta ufficiale. Dovrebbe essere operativo dal mese di maggio

Un’ azienda ha erogato la retribuzione in contanti a tutti i dipendenti. In caso di controllo a quanto ammonta la sanzione?

La sanzione amministrativa pecuniaria, in caso di violazione al divieto di pagamento delle retribuzioni in contanti , consiste nel pagamento di una somma da 1.000 euro a 5.000 euro. La sanzione

Abbiamo intenzione di abilitare dei badge per l’accesso e una telecamera. Quali interventi richiedono un accordo sindacale?

In base alle indicazioni fornite, ritengo che il controllo accessi rientri nel comma 2, dell’articolo 4, della legge 300/70, e non obbliga l’azienda a condividere, con accordo sindacale, detta necessità aziendale

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento