fbpx

La Gevi Napoli Basket è in Serie A1!

Il team targato Generazione Vincente conquista la massima serie della pallacanestro italiana, 13 anni dopo l’ultima volta, al termine di una stagione perfetta, arricchita dalla vittoria della Coppa Italia di Serie A2

La Gevi Napoli Basket è in Serie A1!

13 anni dopo l’ultima volta, allorquando nella griglia di partenza delle squadre del massimo campionato nazionale si leggeva “Eldo Basket Napoli”, la compagine partenopea, targata Generazione Vincente, torna nell’Olimpo del Basket italiano. E lo fa, senza dubbio alcuno, più che meritatamente.

La squadra del Presidente di Generazione Vincente Michele Amoroso, dopo un’annata da indiscussa protagonista, avendo dominato in lungo e in largo sia la stagione regolare che i play-off, passando per la fase ad orologio, in gara 4 di finale ha espugnato il PalaCarnera di Udine coronando un sogno rimasto chiuso nel cassetto per troppo tempo.

Dominio play-off

Il match di ieri ha sancito sul campo un verdetto che, tuttavia, fra gli addetti ai lavori e gli appassionati di questo sport, era nell’aria già da tempo.

Il 3-1 con cui la Gevi Napoli Basket ha chiuso la finale play-off contro una orgogliosa Apu Old Wild West Udine (nelle prime tre gare erano arrivate due vittorie in casa, al PalaBarbuto, e una sconfitta – la prima in tutti i play-off – al PalaCarnera) è stata soltanto la ciliegina sulla torta di un cammino a dir poco straripante.

Dopo il doppio schiacciante 3-0 rispettivamente con la Giorgio Tesi Group Pistoia, ai quarti, e la Top Secret Ferrara, in semifinale, è arrivato il trionfo in gara 4 di finale contro il team friulano che, pur lottando fino all’ultimo, nulla ha potuto contro lo schiacciasassi targato Generazione Vincente, che ha chiuso il match di ieri 77-67 potendo così festeggiare coi tanti tifosi accorsi da Napoli.

Missione compiuta!

Una vera e propria missione partita esattamente un anno fa quando, dopo il primo lockdown, che di fatto aveva chiuso in anticipo l’annata sportiva 2019/20, qualcuno in Via Aniello Falcone (a Napoli, sede del quartier generale del Napoli Basket) già pensava alla stagione che, seppur fra tanti dubbi riguardanti la questione Coronavirus, avrebbe preso il via di lì a qualche mese.

La pre-season, caratterizzata da una campagna acquisti oculata ma degna di nota (si pensi agli ingaggi a stelle e strisce di Parks e Mayo, o al baby prodigio Marini), oltre che dal solito classico entusiasmo “made in Naples”, faceva ben sperare per l’inizio del campionato che, in effetti, non avrebbe deluso le aspettative.

Al di là di qualche passo falso, più che concepibile nell’arco di una stagione sportiva così intensa dal punto di vista del calendario (tante sono state le gare ravvicinate e pochissimi i giorni per poter recuperare le forze), la regular season della Gevi Napoli Basket è stata da incorniciare, con un primo posto nel Girone Rosso – a pari merito con Forlì -, frutto di ben 19 vittorie su 24 incontri disputati.

Successivamente, la fase ad orologio ha soltanto confermato quanto di buono era stato fatto nell’arco dei primi quattro mesi ed ha posto le basi, insieme alla conquista ad aprile della Coppa Italia, per quello che è stato un vero e proprio dominio nella fase finale, decisiva, del campionato.

E allora è proprio il caso di dirlo, con le parole di coach Pino Sacripanti, uno dei principali artefici di quest’agognata promozione: “Missione compiuta!”.

Stagione da double

Quello di ieri, tuttavia, non è il primo successo stagionale in casa Gevi. Ad aprile, infatti, era già arrivata la vittoria in Coppa Italia (la seconda nella storia del Napoli Basket) che aveva entusiasmato tutti in terra partenopea e reso ancor più grande la voglia di trionfo in campionato.

E allora, se è vero che vincere aiuta a vincere, dopo quel successo la Gevi Basket Napoli non si è più fermata, macinando vittorie su vittorie sia nella fase ad orologio che nei play-off ed è stata perfetta fino a ieri, siglando il double.

Proprio con Udine era stata vinta anche la finale del 4 aprile a Cervia, che aveva portato in bacheca il primo trofeo stagionale. Il successo di ieri ha portato la formazione di coach Sacripanti a concludere con 37 vittorie su 46 partite la stagione 2020/2021: uno score che fotografa in maniera perfetta la stagione d’oro della Gevi.

Una cosa quindi è certa, capitan Monaldi quest’anno ci ha preso gusto: alzare la coppa al cielo rientra ormai fra le sue best skills!

Vincere è questione di mentalità!

A novembre c’era stata la conferma dell’accordo di sponsorizzazione fra Generazione Vincente e il club partenopeo per la stagione sportiva 2020/21, che avrebbe visto il marchio della famiglia Amoroso (abbreviato in “Gevi”) campeggiare sulle canotte da gara in qualità di Title Sponsor per il secondo anno consecutivo.

Queste le dichiarazioni dell’AD di Generazione Vincente e della Gevi Napoli Basket Alfredo Amoroso alla fine di una stagione così esaltante:

“È stato un risultato eccezionale. Nel 2018, quando tutto è iniziato, non avremmo mai potuto pensare di ottenere, in così breve tempo, il traguardo della Serie A1. I meriti di questo risultato vanno attribuiti a tutti coloro che hanno partecipato a questa impresa, partendo dal nostro coach Pino Sacripanti, maestro nel gestire una fase complessa come quella dei playoff, allo staff tecnico, medico, dirigenziale ed ovviamente alla squadra.

Un ringraziamento speciale va al Presidente, che ha speso tempo e passione su questo progetto che, oltre alla prima squadra, punta tanto anche sul settore giovanile. Ci tengo, oltre alla famiglia Grassi, a ringraziare anche il socio Francesco Tavassi e il Consigliere Flavio D’Isanto.

Non possiamo che dedicare tutta l’impresa a mio padre, Michele Amoroso, scomparso di recente, che è stato il primo a credere in questo progetto, prima da sponsor nel 2017 e poi da socio. Quello che è successo ieri è semplicemente un suo sogno che si è esaudito.

Penso poi alla squadra con il capitano Diego Monaldi e Daniele Sandri, i primi a credere in quello che stavamo costruendo e ai quali si sono aggiunti atleti e ragazzi eccezionali.

Voglio menzionare anche l’area Social, Comunicazione e Marketing, fondamentale nel trasmettere il nostro messaggio in un periodo così difficile come questo della pandemia.

Abbiamo dimostrato che Napoli ha bisogno di persone che abbiano voglia di fare cose belle per la città. Noi, da innamorati, siamo orgogliosi dei sacrifici fatti e dei risultati ottenuti”.

Parole che, in primis, lasciano trapelare la lucida ed attenta programmazione che c’è stata per il raggiungimento di un traguardo di tale portata e soprattutto danno l’idea della mentalità che da sempre caratterizza la famiglia di Generazione Vincente, perché, come recita il motto aziendale: “Vincere è questione di mentalità!”

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

CONTRIBUTI LAVORATORI AUTONOMI

Il congelamento, deciso dal governo nell’ambito della legge di Stabilità, dell’aliquota contributiva al 27%, “che esisteva già per l’anno 2014 ed è stato prorogato anche per il 2015, rappresenta un

AIAV, SIGLATO PRIMO CCNL PER AGENTI VIAGGIO E OPERATORI SETTORE

Il primo contratto collettivo nazionale per agenti di viaggio e operatori turistici è stato firmato, a Torino, dal presidente Aiav (Associazione italiana agenti di viaggio), Fulvio Avataneo, il segretario nazionale

ISTAT: DATI CRESCITA

L’economia italiana continua a crescere con un ritmo moderato: i consumi sono il principale motore a cui si accompagna anche un miglioramento degli investimenti. Lo rileva l’Istat nella nota mensile

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento

Indirizzo E-mail già esistente.