fbpx

Decontribuzione Sud: i chiarimenti dell’INPS

Una interpretazione davvero singolare della norma e non pienamente condivisa

Decontribuzione Sud: i chiarimenti dell’INPS

L’INPS, con il messaggio n. 72 dell’11 gennaio 2021, fornisce alcuni chiarimenti in merito ai riflessi dell’esonero (previsto dall’articolo 27 del D.L. 14 agosto 2020, n. 104, c.d. “Decontribuzione Sud”) nel regime della somministrazione di lavoro, del lavoro marittimo e la sua applicabilità alle tredicesime mensilità.

Il beneficio, derivante dalla “Decontribuzione Sud”, corrisponde ad una riduzione del 30% sul totale dei contributi previdenziali che l’azienda deve versare all’INPS. L’esonero non è invece applicabile a premi e contributi che il datore di lavoro è tenuto a versare all’INAIL

Riguardo la somministrazione di lavoro il messaggio prevede: 

“[…]L’esonero spetta ai datori di lavoro privati la cui sede di lavoro sia ubicata in una delle regioni c.d. svantaggiate, intendendosi come sede di lavoro anche la sede secondaria ovvero l’unità operativa dell’azienda ove il lavoratore dipendente svolge la sua attività.

Ciò premesso, occorre considerare che, nell’ambito della somministrazione di manodopera, il rapporto di lavoro viene instaurato tra il lavoratore e l’Agenzia di somministrazione; quest’ultima è parte del contratto individuale di lavoro e, dunque, riveste la qualifica formale di datore di lavoro richiesta dalla previsione normativa in oggetto ai fini del riconoscimento dei benefici contributivi.

Con riferimento al rapporto di lavoro instaurato con un’Agenzia di somministrazione, si evidenzia che gli obblighi derivanti dallo svolgimento del rapporto, tra i quali gli adempimenti retributivi e previdenziali, gravano sull’Agenzia che effettua l’assunzione.

Sulla base delle suesposte motivazioni, il beneficio in esame non è riconoscibile allorquando il lavoratore in somministrazione, pur svolgendo la propria attività lavorativa in unità operative dell’azienda utilizzatrice ubicate nelle aree svantaggiate, sia formalmente incardinato presso un’Agenzia di somministrazione situata in una regione diversa da quelle ammesse ad usufruire dello sgravio, in quanto, ai fini del legittimo riconoscimento della decontribuzione, rileva la sede di lavoro del datore di lavoro e non dell’utilizzatore.[…]”

Indipendentemente dalla condivisibilità  dei chiarimenti forniti dall’Ente e dei risvolti applicativi, Generazione Vincente S.p.A. è Agenzia per il lavoro, con sede legale a Napoli, che opera con successo da  oltre 20 anni nel mercato del lavoro italiano ed è stata la prima società di fornitura di lavoro temporaneo nata nel Sud Italia.

Della Decontribuzione Sud e delle altre novità introdotte dalla Legge di Bilancio 2021 se ne parlerà nel corso del webinar organizzato da Generazione Vincente per il 22 gennaio p.v.

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1360 posts

Area comunicazione | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Si al risarcimento ridotto dell’art. 32 del Collegato Lavoro anche in caso di Somministrazione di manodopera irregolare.

L’art. 32 del c.d. “ collegato lavoro ” (L. 183/2010) è stato promosso  anche dalla Cassazione Civile, con l’ordinanza n. 8941 del 10 aprile 2014, dopo aver già superato indenne il vaglio

Assolavoro: firmato nuovo accordo su lavoro in somministrazione

Con il nuovo testo del CCNL per il lavoro in somministrazione firmato da Assolavoro, Associazione nazionale delle agenzie per il lavoro, con Cgil, Cisl e Uil e i sindacati di

Seconda selezione autisti ATAC S.p.A. – Opportunità nel settore dei trasporti

Seconda selezione autisti ATAC S.p.A. – La società di trasporti ATAC S.p.A. ha bandito la seconda selezione di autisti affidando a Generazione Vincente S.p.A.  la gestione delle attività di ricerca

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento