Nel momento in cui a un lavoratore sopravvenga un grave lutto familiare, durante il godimento del periodo di ferie, il dipendente può interrompere il congedo ferie e usufruire del permesso lutto?

La nuova normativa sui congedi familiari introdotta con la L. n. 53/2000, in particolare sul diritto del lavoratore al permesso retribuito di tre giorni lavorativi all’anno in caso di decesso o di documentata grave infermità del coniuge o di un parente entro il secondo grado, non ha disciplinato l’ipotesi di sovrapposizione di differenti cause sospensive del rapporto quali le ferie ed il congedo per lutto. Pertanto, qualora l’evento per lutto si verifichi durante il periodo di fruizione delle ferire da parte del lavoratore, in relazione al principio della effettività delle ferie ampiamente ribadito anche dalla giurisprudenza della Cassazione ed alla considerazione che la situazione è analoga a quella che si viene a creare in ipotesi di malattia che insorga durante il periodo di ferie, occorre fare applicazione del principio già affermato con riferimento a tale ultima ipotesi dalla Corte Costituzionale, con la conseguenza che il lutto sospende il godimento delle ferie.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

Una nostra dirigente, per motivi di natura personale, vorrebbe non avere più le responsabilità insite alla sua attività. Possibile una modifica delle mansioni?

Il nuovo art. 2103 c.c. (come rivisto dal Jbos Act) prevede che: “Nelle sedi di cui all’articolo 2113, ultimo comma, o avanti alle commissioni di certificazione di cui all’articolo 76

Le modifiche alla legge 151/2001 sulla maternità riguardano anche gli affidamenti di bimbi alle famiglie?

Sì, tutte le modifiche e le novità introdotte al decreto legislativo 151/2001 (TU sulla maternità) sono da considerare anche in caso di adozione (nazionale ed internazionale) e di affidamento.

Anche per il 2016 è stato prorogato l’esonero contributivo in agricoltura?

Più che prorogato, l’esonero contributivo in agricoltura, è stato riformulato con alcune limitazioni relative alla durata (24 mesi) e all’importo massimo agevolato (40% dei contributi Inps fino ad un massimo

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento