Giurisprudenza e smart-working: due sentenze dei Tribunali di Venezia e Mantova

Due sentenze dei Tribunali di Mantova e Venezia che prendono in esame controversie che riguardano l'utilizzo del lavoro agile e dello Smart-Working

Giurisprudenza e smart-working: due sentenze dei Tribunali di Venezia e Mantova

Tribunale di Mantova: smart-working – rifiuto nella concessione

Con decreto del 26 giugno 2020, emesso nel corso di un procedimento cautelare ex art. 700 c.p.c., il Tribunale di Mantova ha rigettato l’istanza di un dipendente di una multinazionale dei parcheggi che aveva richiesto la prestazione in smart-working ex art. 90 del Decreto Legge n. 34/2020.

I giudici hanno confermato la decisione del datore di lavoro sulla scorta dei seguenti presupposti:

  • la disposizione prevede che tale possibilità si coniughi con le caratteristiche della prestazione professionale che la consentano. Nel caso di specie, le mansioni svolte dal lavoratore richiedono una sua presenza in azienda in quanto incontra, continuamente, i referenti tecnici dei committenti ed è responsabile della sicurezza dei lavoratori. Il lavoratore svolge mansioni diversificate che risultano caratterizzarsi, quanto meno in misura rilevante se non prevalente, per la necessità della sua presenza fisica in azienda;
  • la moglie svolge con regolarità la propria prestazione lavorativa in smart-working presso il proprio domicilio di residenza, ove vive con la figlia ed il marito.

Tribunale di Venezia: smart-working nella Pubblica Amministrazione e buono pasto

Con sentenza n. 1069/2020 il Tribunale di Venezia, alla luce della normativa contenuta nel Decreto Legge n. 34/2020, in un ricorso presentato da alcuni lavoratori nei confronti del Comune di Venezia, ha negato la possibilità del riconoscimento del buono pasto.

I punti su cui poggia la decisione del Tribunale sono i seguenti:

  • il lavoratore agile non ha un orario predefinito: di conseguenza, viene meno il presupposto che il buono possa essere usato fuori dall’orario di lavoro;
  • il buono pasto, secondo la Cassazione (Cass. n. 31137/2019), rappresenta un benefit e non un elemento della retribuzione.

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 361 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Licenziamento e previsione del CCNL [Cassazione]

Con sentenza n. 21062 dell’11 settembre 2017, la Corte di Cassazione, riformando una decisione della Corte di Appello e riferendosi ad un procedimento anteriore alla riforma dell’art. 18 intervenuta il 18 luglio

Somministrazione irregolare: atto di recesso verso il committente

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 17969 del 13 settembre 2016, ha chiarito che nel caso in cui un appalto venga disconosciuto e si ravvisi una somministrazione irregolare, tutti

Lavoro intermittente e licenziamento per raggiungimento limiti di età [Cassazione]

Con sentenza n. 4293 del 21 febbraio 2018, la Corte di Cassazione, facendo propri i princìpi espressi dalla Corte Europea di Giustizia nella causa C- 143/16, ha affermato che la

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento