fbpx

Cruscotto infortuni – Nuova implementazione con la circolare INAIL n.33

Cruscotto infortuni – Nuova implementazione con la circolare INAIL n.33

Nuova implementazione dello strumento “Cruscotto Infortuni”

Il 13 Dicembre 2019 l’INAIL ha pubblicato la circolare n.33. Con la presente si comunica che a partire dal 17 dicembre 2019 verrà rilasciata un’implementazione al servizio telematico “Cruscotto infortuni”. Gli utenti abilitati infatti potranno consultare le denunce di infortunio. In più i datori di lavoro di soggetti non assicurati INAIL, potranno consultare i dati riguardanti le comunicazione d’infortunio pervenute telematicamente all’Inail a partire del 12 Dicembre 2017.

Cos’è il Cruscotto Infortuni?

Il cruscotto infortuni è stato annunciato la prima volta con la circolare n.92 del 23 dicembre 2015, in un’ottica di semplificazione generale delle disposizioni a carico delle aziende. Con la circolare n.92 si definiva la soppressione dell’obbligo di tenuta del registro infortuni a carico delle aziende. Permane però l’obbligo del datore di lavoro di denunciare all’INAIL tutti gli infortuni occorsi ai dipendenti ed ai prestatori d’opera. Il Cruscotto infortuni è un nuovo strumento telematico rivolto a facilitare sia le attività ispettive da parte degli organi di vigilanza, sia la consultazione dei dati relativi agli infortuni del personale denunciati all’INAIL dalle aziende.

Cos’era il registro infortuni?

Il Registro Infortuni prevedeva l’obbligo per il datore di lavoro di annotare cronologicamente tutti gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali occorsi ai lavoratori e che comportassero l’assenza dal lavoro di almeno un giorno. L’abolizione del Registro infortuni ha quindi ridotto una buona parte di adempimenti in capo al datore di lavoro, ma al contempo ha reso necessario uno strumento che integrasse i dati in maniera semplificata. Nasce così il Cruscotto Infortuni. Con tale strumento il datore di lavoro si limita alla registrazione degli infortuni dei suoi dipendenti. Gli organi di vigilanza (organi ispettivi dell’Inail, dell’ASL e del Ministero del Lavoro) potranno accedere al Cruscotto inserendo credenziali specifiche nell’area Servizi on line del sito INAIL.

Come funziona il Cruscotto infortuni?

Attraverso il Cruscotto i l’utente avrà la possibilità di consultare in pochi istanti, mediante l’inserimento delle proprie credenziali, la cronologia di tutti gli infortuni del singolo soggetto relativamente al territorio regionale di competenza. Inserendo il codice fiscale del lavoratore, l’azienda e gli organi di vigilanza potranno verificare la storicità degli infortuni denunciati in tempo reale. Lo strumento fornirà inoltre dati statistici utili a ricostruire le casistiche delle denunce per ogni singolo settore produttivo, con l’indicazione delle conseguenze dell’infortunio per ogni anno di interrogazione.

Assistenza clienti INAIL

Nell’area “Supporto” e “Contatti” del portale Inail.it è a disposizione dell’utenza il servizio “Inail risponde” per l’assistenza e il supporto nell’utilizzo dei servizi online e per approfondimenti normativi e procedurali. Nell’area “Supporto” è altresì disponibile per la consultazione il manuale operativo dell’applicativo. È inoltre possibile rivolgersi al Contact center Inail al numero 066001,
accessibile sia da rete fissa sia da rete mobile.

  Scarica la circolare INAIL n.33

 

Sull' autore

Roberto Caiazzo
Roberto Caiazzo 57 posts

Mi occupo di social media marketing e scrittura per il web. Amo scrivere e comunicare a 360 gradi. "Il modo in cui comunichiamo con gli altri e con noi stessi determina la qualità della nostra vita".

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Jobs Act : cosa cambia per davvero nella gestione del lavoro [presentazione]

ll disegno di legge sul lavoro detto “JOBS ACT” contiene 5 deleghe legislative, che intervengono su importanti e vasti ambiti del diritto del lavoro. Nella presentazione che segue analizziamo le principali

Illegittimo il licenziamento per rifiuto al trasferimento dopo la maternità | Cassazione

Con la sentenza n. 3052/2017, la Corte di Cassazione ha dichiarato l’illegittimità di un licenziamento per mancata disponibilità al trasferimento, intimato ad una lavoratrice da poco rientrata da periodo di

Licenziamento del lavoratore per mancato superamento del periodo di prova

Con la sentenza n. 8237 del 22 aprile 2015, la Corte di Cassazione ha affermato l’illegittimità del licenziamento motivato dal mancato superamento del periodo di prova, qualora il lavoratore abbia svolto già in

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento