fbpx

Cruscotto infortuni – Nuova implementazione con la circolare INAIL n.33

Cruscotto infortuni – Nuova implementazione con la circolare INAIL n.33

Nuova implementazione dello strumento “Cruscotto Infortuni”

Il 13 Dicembre 2019 l’INAIL ha pubblicato la circolare n.33. Con la presente si comunica che a partire dal 17 dicembre 2019 verrà rilasciata un’implementazione al servizio telematico “Cruscotto infortuni”. Gli utenti abilitati infatti potranno consultare le denunce di infortunio. In più i datori di lavoro di soggetti non assicurati INAIL, potranno consultare i dati riguardanti le comunicazione d’infortunio pervenute telematicamente all’Inail a partire del 12 Dicembre 2017.

Cos’è il Cruscotto Infortuni?

Il cruscotto infortuni è stato annunciato la prima volta con la circolare n.92 del 23 dicembre 2015, in un’ottica di semplificazione generale delle disposizioni a carico delle aziende. Con la circolare n.92 si definiva la soppressione dell’obbligo di tenuta del registro infortuni a carico delle aziende. Permane però l’obbligo del datore di lavoro di denunciare all’INAIL tutti gli infortuni occorsi ai dipendenti ed ai prestatori d’opera. Il Cruscotto infortuni è un nuovo strumento telematico rivolto a facilitare sia le attività ispettive da parte degli organi di vigilanza, sia la consultazione dei dati relativi agli infortuni del personale denunciati all’INAIL dalle aziende.

Cos’era il registro infortuni?

Il Registro Infortuni prevedeva l’obbligo per il datore di lavoro di annotare cronologicamente tutti gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali occorsi ai lavoratori e che comportassero l’assenza dal lavoro di almeno un giorno. L’abolizione del Registro infortuni ha quindi ridotto una buona parte di adempimenti in capo al datore di lavoro, ma al contempo ha reso necessario uno strumento che integrasse i dati in maniera semplificata. Nasce così il Cruscotto Infortuni. Con tale strumento il datore di lavoro si limita alla registrazione degli infortuni dei suoi dipendenti. Gli organi di vigilanza (organi ispettivi dell’Inail, dell’ASL e del Ministero del Lavoro) potranno accedere al Cruscotto inserendo credenziali specifiche nell’area Servizi on line del sito INAIL.

Come funziona il Cruscotto infortuni?

Attraverso il Cruscotto i l’utente avrà la possibilità di consultare in pochi istanti, mediante l’inserimento delle proprie credenziali, la cronologia di tutti gli infortuni del singolo soggetto relativamente al territorio regionale di competenza. Inserendo il codice fiscale del lavoratore, l’azienda e gli organi di vigilanza potranno verificare la storicità degli infortuni denunciati in tempo reale. Lo strumento fornirà inoltre dati statistici utili a ricostruire le casistiche delle denunce per ogni singolo settore produttivo, con l’indicazione delle conseguenze dell’infortunio per ogni anno di interrogazione.

Assistenza clienti INAIL

Nell’area “Supporto” e “Contatti” del portale Inail.it è a disposizione dell’utenza il servizio “Inail risponde” per l’assistenza e il supporto nell’utilizzo dei servizi online e per approfondimenti normativi e procedurali. Nell’area “Supporto” è altresì disponibile per la consultazione il manuale operativo dell’applicativo. È inoltre possibile rivolgersi al Contact center Inail al numero 066001,
accessibile sia da rete fissa sia da rete mobile.

  Scarica la circolare INAIL n.33

 

Sull' autore

Roberto Caiazzo
Roberto Caiazzo 57 posts

Mi occupo di social media marketing e scrittura per il web. Amo scrivere e comunicare a 360 gradi. "Il modo in cui comunichiamo con gli altri e con noi stessi determina la qualità della nostra vita".

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Licenziamento lavoratrice madre: arriva la sentenza della Cassazione

Con la sentenza 475/16, depositata ieri, la Cassazione si pronuncia sul regime sanzionatorio applicabile prima della Riforma Fornero (legge 92/2012) al licenziamento intimato alla lavoratrice madre durante il periodo tra

lavoratori in mobilità e ricollocazione in azienda con asset aziendali coincidenti [cassazione]

Con sentenza n. 13583 del 2 luglio 2015, la Corte di Cassazione ha confermato il mancato riconoscimento dei benefici contributivi in favore dell’impresa che assume lavoratori collocati in mobilità (articolo

Governo: tutela del lavoro nell’ambito delle imprese sequestrate e confiscate

Il Consiglio dei Ministri, nella seduta n. 84 del 16 maggio 2018, ha approvato, in esame definitivo, due decreti legislativi di attuazione della legge 17 ottobre 2017, n. 161, recante

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento