All’avvio di una nuova unità produttiva i contratti a termine sono esenti dal computo del limite massimo?

All’avvio di una nuova unità produttiva i contratti a termine sono esenti dal computo del limite massimo?

Ho una azienda che applica il CCNL Alimentari industria e che il prossimo mese apre una nuova unità produttiva. In base a quanto previsto dall’articolo 23 del decreto legislativo 81/2015, sono esenti dal limite massimo i contratti a tempo determinato conclusi nella fase di avvio di nuove attività. Ho ragione?

La possibilità di esentare i lavoratori a termine dal computo del numero massimo possibile di contratti a tempo determinato è sottomessa al contratto collettivo che ne definisce il periodo di esonero.

Nel caso specifico, il CCNL Alimentari industria evidenzia che per i primi 18 mesi dall’avvio di nuova unità produttiva, i lavoratori assunti a tempo determinato sono esenti dal computo del limite massimo. Tale periodo potrà essere incrementato da un eventuale accordo aziendale.

Qualora non si tratti di nuova unità produttiva ma di nuova linea/modulo di produzione, il periodo di esenzione, dei lavoratori utilizzati in detta attività, è fino a 12 mesi. Logicamente, sempre e solo per le aziende che applicano il CCNL Alimentari industria. Per le altre aziende, va verificato se il periodo di esenzione è prescritto nel CCNL applicato. Qualora mancante, la regola non può essere utilizzata.

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 331 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

L’azienda presso la quale lavoro invia propri rappresentanti all’estero, per mostrare i propri prodotti. Bisogna fare richiesta del modello A1?

  Se l’attività svolta dal personale inviato in trasferta è esclusivamente quella di rappresentanza, ritengo che non sia necessario. In questi casi potremmo considerarli come dei “visitatori” e non come

Cosa si intende per pausa durante l’orario di lavoro?

L’art. 8 del D.L.vo n. 66/2003 e la circolare del Ministero del Lavoro n. 8/2005 spiegano chiaramente che allorquando l’orario giornaliero supera le 6 ore, il lavoratore ha diritto ad

Qual è il costo di un licenziamento collettivo per l’azienda?

Il “ costo ” che l’azienda dovrà versare all’Inps è dato dal c.d. ticket NASpI (detto anche ticket licenziamento). Il valore è proporzionato alla durata del rapporto di lavoro (massimo

1 Commento

  1. fabio
    Dicembre 21, 12:05 Reply

    Buongiorno Dr. Camera.
    Se un’azienda assume un lavoratore stagionale disabile, può computare questa risorsa ai fini assolvimento obblighi in materia di collocamento obbligatorio?

    Grazie e cordiali saluti.

Lascia un commento