È obbligatorio lo stop&go tra un contratto di somministrazione e l’altro all’interno della medesima azienda e per la stessa mansione?

È obbligatorio lo stop&go tra un contratto di somministrazione e l’altro all’interno della medesima azienda e per la stessa mansione?

Confrontandomi con una delle Agenzia per il Lavoro, con la quale collaboriamo da anni, è emerso che non è necessario lo stop&go di 10 o 20 giorni tra un contratto di somministrazione e l’altro all’interno della medesima azienda e per la stessa mansione. Eravamo convinti che il nuovo decreto dignità avesse inserito le tempistiche dello stop&go, così come già avveniva per i contratti diretti in azienda.  Chi ha ragione?

Segue la risposta del Dott. Roberto Camera:

L’obbligo del c.d. “stop & go”, previsto dall’articolo 21, comma 2, del decreto legislativo 81/2015, è stato escluso dalla disciplina della somministrazione a termine, così come modificata dal c.d. “decreto dignità”.

Infatti, il nuovo comma 2, dell’articolo 34, del decreto legislativo 81/2015 (Disciplina dei rapporti di lavoro in somministrazione), stabilisce che «In caso di assunzione a tempo determinato il rapporto di lavoro tra somministratore e lavoratore è soggetto alla disciplina di cui al capo III, con esclusione delle disposizioni di cui agli articoli 21, comma 2, 23 e 24.».

In definitiva, non sussiste alcun obbligo di prevedere una “vacanza” tra 2 contratti in somministrazione.

Probabilmente, la confusione nasce dal fatto che detta esclusione è stata prevista dalla Legge di conversione del decreto dignità (Legge 96/2018), pubblicata il 12 agosto 2018, e non anche dal Decreto Legge 87/2018.

Per approfondire scarica l’Ebook di  Eufranio Massi o rivedi il nostro Webinar cliccando qui

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

Un’azienda del settore Alimentari può assumere con contratti di lavoro intermittente?

Nel settore Alimentari, gli unici CCNL che disciplinano il lavoro intermittente sono: Alimentari (industria) – Federdat/Consil Alimentari (piccola industria) In mancanza di disposizioni da parte del CCNL, è possibile attivare

Con il Ccnl Metalmeccanica industria, è possibile cedere 40 ore di ferie ad un collega per assistere il figlio?

  Ad oggi non è possibile applicare quanto previsto dall’art. 24 del D.L.vo 151/2015 sulla cessione delle ferie. Ciò in quanto la norma stabilisce che le modalità di cessione delle

Qual è il costo di un licenziamento per giustificato motivo oggettivo di un rapporto a T.I. a tutela crescente dopo un anno di lavoro ?

  Salvo quanto non diversamente previsto da un eventuale accordo conciliativo ovvero nel caso in cui il giudice non ravvisi un licenziamento discriminatorio, il costo massimo è pari a 4

4 Commenti

  1. SC
    Dicembre 05, 12:28 Reply

    Buongiorno,
    e se invece si tratta di successione (a parità di mansioni, categoria legale, e inquadramento) tra una missione in somministrazione a tempo determinato ed un contratto di lavoro diretto a termine? In altre parole: se ad un datore di lavoro piace il lavoratore somministrato in missione per tre mesi, poi lo può assumere (senza soluzione di continuità rispetto alla missione) per altri tre mesi? È un rinnovo, in questo caso? Serve il c.d. “stop&go”?
    Molto grato per qualunque indicazione

    • Simonetta
      Dicembre 17, 10:14 Reply

      Mi collego alla domanda per aggiungere un particolare: serve anche la causale?

    • Simone Emili
      Novembre 12, 22:12 Reply

      Mi permetto di esprimere la mia opinione su questa domanda perchè ho anch’io lo stesso dubbio e spero che un confronto possa aiutarmi a schiarire le idee. Nella circolare n. 17 del 31 ottobre 2018 al paragrafo 2.2. è scritto che “in caso di un periodo di missione in somministrazione a termine fino a 12 mesi, è possibile per l’utilizzatore assumere il medesimo lavoratore direttamente con un contratto a tempo determinato per una durata massima di 12 mesi indicando la relativa motivazione”. Secondo il Ministero, quindi, in caso di successione di periodi di lavoro prima mediante somministrazione a termine e poi con assunzione a tempo determinato – fermo restando il limite massimo complessivo di 24 mesi – è necessario apporre la causale. Sembrerebbe quindi un caso di rinnovo. Però la normativa sulla somministrazione, all’ art. 34, c. 2 del D.lgs 81/2015 dice che “In caso di assunzione a tempo determinato il rapporto di lavoro tra somministratore e lavoratore è soggetto alla disciplina di cui al capo III, con esclusione delle disposizioni di cui agli articoli 21, comma 2, 23 e 24. “. Tra le disposizioni non applicabili vi è quindi quella sullo “stop&go” (art. 21, c.2). Di conseguenza, la norma sullo “stop&go” è applicabile solo alla successione fra due contratti entrambi a tempo determinato. La successione fra un somministrazione a termine e un contratto a termine è fattispecie che esula dal campo di applicazione dell’ art. 21 comma 2, quindi non vi è alcun intervallo di 10 o 20 giorni da rispettare. In definitiva, la mia opinione è che siamo in presenza di un caso di rinnovo che impone la presenza di una causale ma non il rispetto di un intervallo temporale.

  2. Pasquale
    Novembre 04, 01:06 Reply

    Salve, vorrei poter porre all’esperto una condizione contrattuale che nessun esperto spiega su nessun forum. Contattatemi su mail e vi porgo la domanda.grazie

Lascia un commento