Generazione Vincente adotta la Firma Digitale: pratica, veloce ed ecosostenibile

image_pdfimage_print

L’innovazione e lo sviluppo tecnologico, con la conseguente informatizzazione, hanno apportato cambiamenti significativi alla nostra vita quotidiana. Nello stesso modo è possibile affermare che la “mobilità” e la tecnologia hanno reso molto più semplici, e per di più molto rapide, diverse operazioni.

Oggi difatti lavorare con aziende, fornitori e con lavoratori anche molto distanti dalla propria sede è possibile, senza attendere i lunghi tempi della posta cartacea per l’invio o la ricezione di documenti. Con un click è possibile raggiungere chiunque, ma se si vuole dare effettiva validità ai documenti occorre avere una firma digitale.

In quest’ottica Generazione Vincente S.p.A. ha adottato il sistema della firma digitale, che costituisce l’equivalente elettronico di una tradizionale firma autografa apposta su carta. La digitalizzazione della firma è il risultato di una procedura informatica, detta validazione, che garantisce ai documenti generati le seguenti caratteristiche:

  • Autenticità: la firma digitale garantisce l’identità del sottoscrittore del documento;
  • Integrità: la firma digitale assicura che il documento non sia stato modificato dopo essere stato firmato digitalmente;
  • Non Ripudiabilità: la firma digitale attribuisce piena validità legale al documento, pertanto il documento non può essere ripudiato dal sottoscrittore.

La firma digitale consente a Generazione Vincente S.p.A. di semplificare e velocizzare i rapporti con:

  • Aziende clienti
  • Lavoratori in somministrazione
  • Fornitori
  • Pubblica Amministrazione

L’uso della firma digitale permette la dematerializzazione di tutti i documenti cartacei con un notevole risparmio sia economico che di tempo. Inoltre si riduce in modo ragguardevole l’impatto ambientale, andando a sostituire tonnellate di carta con documenti in forma elettronica. E tanto in accordo con le politiche di sostenibilità ambientale volute fortemente sia dall’Italia che dall’Unione Europea.

Firma Digitale: manuale operativo

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

Il lavoro a tempo parziale dopo la riforma [E.Massi]

Nella opera di rivisitazione delle tipologie contrattuali avvenuta con il D.L.vo n. 81/2015, un posto di assoluta rilevanza assume la nuova disciplina che riguarda il rapporto part-time. L’obiettivo perseguito dal

LA DETASSAZIONE DELLA PRODUTTIVITÀ PER IL 2014

Settanta giorni ci sono voluti perché, dopo la firma del Presidente del Consiglio e del ministro dell’Economia pro-tempore (c’era ancora il Governo Letta), il DPCM concernente le misure sperimentali per

Irregolarità contributive accertate a seguito di visita ispettiva: i riflessi sulle agevolazioni [E. MASSI]

Con una nota del 17 ottobre u.s., concordata con le strutture di vertice degli Istituti previdenziali, l’Ispettorato Nazionale del Lavoro fornisce alle proprie articolazioni periferiche ulteriori elementi operativi, finalizzati a

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento