Vorremmo creare un Centro elaborazione dati e fornire supporto alle aziende per attività di invio Uniemens e per tutto quello che serve per il rispetto dell’attività paghe. Vede controindicazioni a ciò?

Vorremmo creare un Centro elaborazione dati e fornire supporto alle aziende per attività di invio Uniemens e per tutto quello che serve per il rispetto dell’attività paghe. Vede controindicazioni a ciò?
image_pdfimage_print

Il Ministero del Lavoro, in più occasioni (lett. circolare 13649/2007, nota 7857/2010 e circolare 17/2013), ha evidenziato che “le operazioni svolte dal Centro elaborazione dati devono limitarsi ad elaborazioni aventi valenza matematica di tipo meccanico ed esecutivo, quali la mera imputazione dei dati ed il relativo calcolo e stampa degli stessi, operazioni che non devono includere attività di tipo valutativo ed interpretativo.”.

In pratica, i CED possono effettuare esclusivamente attività esecutive e di servizio, quali le mere operazioni di calcolo e stampa dei dati retributivi nonché le attività strumentali ed accessorie.

Specificatamente, l’attività dei CED è disciplinata dall’art. 1, comma 5, della Legge 12/1979, che, per l’appunto, stabilisce che i Centri elaborazione dati devono, in ogni caso, essere assistiti da uno o più soggetti iscritti agli albi previsti dall’art. 1, comma 1, della medesima legge.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

Che differenza hanno i “ tirocini curriculari ” rispetto agli altri stage formativi?

I Tirocini curriculari si svolgono all’interno di un percorso di istruzione e formazione che si conclude con il conseguimento di un titolo di studio (es. diploma, laurea) o di una

Un familiare di tossico dipendente ha diritto all’aspettativa non retribuita?

L’art. 124 del DPR n. 309/1990 stabilisce che i lavoratori tossicodipendenti con contratto a tempo indeterminato ed i familiari di tossicodipendenti, possono godere di un’aspettativa non retribuita fino a 3

Se pago un patto di non concorrenza durante il rapporto di lavoro, devo pagare anche i contributi?

Se eroga una somma mensile quale “ patto di non concorrenza ”, la somma viene considerata retribuzione e quindi rientra nella base imponibile contributiva, previdenziale e assicurativa. Viceversa, qualora l’erogazione

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento