fbpx

Mancanza della forma scritta e nullità della somministrazione (Cassazione)

Con sentenza n. 17540 del 1 agosto 2014, la Cassazione ha affermato che in caso di contratto di somministrazione di lavoro – stipulato ai sensi degli artt. 20 e ss. del D.L.vo n. 276 del 2003 – la sanzione della nullità, prevista espressamente dall’art. 21, ult. comma, per il caso di difetto di forma scritta, si estende anche all’indicazione omessa o generica della causale della somministrazione, con conseguente applicabilità, fino alla sentenza che accerta la conversione del rapporto (da lavoro a tempo determinato alle dipendenze del somministratore a lavoro a tempo indeterminato alle dipendenze dell’utilizzatore), dell’indennità prevista dall’art. 32 della Legge n. 183 del 2010.

pdf-icon Allegato: sentenza n. 17540 del 1 agosto 2014

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1399 posts

Area comunicazione | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Quaderno di monitoraggio: i contratti di lavoro dopo il Jobs Act

Il Ministero del Lavoro ha pubblicato il primo quaderno di monitoraggio per valutare gli impatti sul mercato del lavoro delle misure introdotte col Jobs Act. Il volume ha come obiettivo

Forum a Napoli per Garanzia Giovani: “Una strada per l’occupazione”

Sarà un Forum sugli effetti del Piano Europeo Garanzia Giovani, i promotori del dibattito sono Regione Campania, Ministero del Lavoro e Politiche Sociali, Anpal e Unione Europea. L’incontro sarà aperto

Agenzie per il Lavoro: l’occupazione virtuosa che il nostro Paese non sfrutta abbastanza

Durante l’anno 2018 i lavoratori inseriti con almeno un contratto di lavoro in somministrazione con tutti i diritti e la retribuzione del lavoro dipendente sono stati circa 800 mila. Il

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento

Indirizzo E-mail già esistente.