fbpx

Le 10 NUOVE PROFESSIONI più richieste attualmente dal mercato [infografica]

lavoro internetOggi, nonostante la crisi, sono dieci le nuove professioni che consentono di trovare facilmente lavoro. L’indicazione arriva da LinkedIn. I cui esperti hanno analizzato 259 milioni di profili in lingua inglese, scoprendo 10 profili nuovi di zecca, assolutamente impensabili nel 2008, che si stanno imponendo con grande rapidità.
Apparentemente bizzarri e guardati con scetticismo dalle vecchie generazioni, racchiudono competenze e nuove abilità sempre più ricercateTecnologie e fitness i settori maggiormente interessati. Basti pensare agli occupati nei più noti social network, come Facebook, Twitter, YouTube, LinkedIn, Pinterest e Google+. Che hanno registrato un aumentoda 25 collaboratori nel 2008 a ben 4.350 impiegati nel 2013. O allo specialista di marketing digitale (passato da 166 a 2.886 professionisti) e all’esperto di servizi cloud (da 195 a 3.314 unità). O, ancora, agli sviluppatori di App per iOS e Android. Moltiplicatisi vertiginosamente negli ultimi anni, passando rispettivamente da 89 e 53 assunti a 12.634 e 10.554 in 5 anni.

Ma, a sorpresa, un’altra professione è in grande ascesa. Di chi si tratterà mai? Dell’istruttore di Zumba. Che, ci crediate o no, ha registrato un incremento da 16 a 6.331 nuovi assunti, impazzando, in particolare, negli Stati Uniti.

10_lavori_richiesti

Fonte: visual.ly

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1400 posts

Area comunicazione | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Reddito di cittadinanza e lavoro – Dati ANPAL non incoraggianti

Reddito di cittadinanza e lavoro – 39 mila occupati su 908 mila I dati sul rapporto reddito di cittadinanza e lavoro non sono incoraggianti secondo i dati riportati dall’Anpal. Nel primo

La Youth Guarantee avanza verso la sua fase esecutiva

Risale ad aprile 2013 l’approvazione del principio di garanzia per i giovani da parte dei paesi UE (raccomandazione del Consiglio). Obiettivo: avere il 75% della popolazione attiva in Europa entro

Chief happiness officer in azienda – Il manager della felicità per il benessere dei lavoratori

Chief happiness officer in azienda –  il manager della felicità Chief happiness officer in azienda. Nella dichiarazione di indipendenza degli Stati Uniti d’America firmata il 4 luglio 1776, si dichiara:

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento

Indirizzo E-mail già esistente.