Pfi, nuove Linee Guida per i tirocini extracurricolari

Pfi, nuove Linee Guida per i tirocini extracurricolari
image_pdfimage_print

Linee Guida per i tirocini extracurricolari

Le nuove Linee Guida per i tirocini extracurricolari saranno regolamentati dal PFI, progetto formativo individuale. Il Pfi definisce obiettivi formativi e modalità di attivazione e svolgimento dello stage. Definito tra soggetto promotore, soggetto ospitante e tirocinante, fissa l’ indennità minima di 300 euro lordi a favore del tirocinante come compenso per un periodo lavorativo che avrà una durata minima di 2 mesi (uno nel caso di aziende stagionali) e massimo di 12 mesi (24 se il tirocinante è affetto da disabilità).

Le nuove linee guida perfezionano le regole vigenti, datate 24 Gennaio 2013, con particolare attenzione agli obiettivi prefissati, che sono: rafforzare la vigilanza sulla genuinità dei tirocini, per fare emergere le forme fittizie di lavoro subordinato; garantire la «qualità» del tirocinio, in considerazione della peculiarità di strumento di orientamento professionale per i giovani. In quest’ottica le linee guida assicurano gli standard minimi per regolamentare i tirocini con la possibilità delle Regioni di disporre maggiori tutele, mai minori, per il tirocinante.

Il tirocinio, come in passato, rimane una misura formativa di politica attiva, il cui obiettivo è creare un contatto diretto tra soggetto ospitante (imprese) e tirocinante (giovani e soggetti in difficoltà sul mercato del lavoro) al fine di arricchire il bagaglio di conoscenze e di competenze professionali e dell’inserimento o reinserimento nel mondo del lavoro. Fermo restando che le suddette linee guida si applicano solo ai tirocini extracurricolari.

Come si diceva la durata dei tirocini, che praticamente è la stessa per tutti i soggetti, prevede una durata minima di due mesi, che diventa uno nel caso di tirocini svolti presso soggetti ospitanti che operano stagionalmente, e una durata massima di 12 mesi, salvo il caso di tirocinanti affetti da disabilità per i quali la durata si estende fino a 24 mesi. Il tirocinante ha diritto, inoltre, della sospensione in caso di infortunio o di malattia di lunga durata (cioè pari o superiore a 30 giorni), di maternità, nel caso di chiusura dell’azienda(che superi almeno i 15 giorni).

Il tirocinio prevede il coinvolgimento di tre soggetti:

  • il tirocinante, colui che effettua lo stage
  • il soggetto ospitante, cioè la struttura presso la quale si svolge il tirocinio (può essere qualsiasi soggetto, persona fisica o giuridica, di natura pubblica o privata)
  • il soggetto promotore, che è l’ente terzo rispetto al soggetto ospitante e al tirocinante, con il compito di attivare e promuovere i tirocini (servizi per l’impiego; università; Anpal ecc.). Alcune condizioni sono poste ai soggetti ospitanti, tra cui l’essere in regola con la normativa in materia di sicurezza e con quella sui disabili (legge n. 68/1999), non avere procedure di cassa integrazione in atto, non aver avuto licenziamenti. Inoltre, è fissato un numero massimo di tirocini ospitabili, organizzato per ‘unità operativa’ e con riferimento al numero di dipendenti assunti a tempo indeterminato (esclusi apprendisti) e o a termine. I tirocini sono attivati e vanno svolti sulla base di apposite convenzioni tra soggetti promotori e soggetti ospitanti, predisposte dalle regioni e strutturate almeno con le seguenti sezioni:
  • obblighi del soggetto promotore e soggetto ospitante
  • modalità di attivazione
  • valutazione e attestazione degli apprendimenti
  • monitoraggio
  • decorrenza e durata della convenzione
  • un Pfi per ciascun tirocinante

Il PFI contiene, inoltre, tutte le indicazioni formative, la durata dell’esperienza di tirocinio, le ore giornaliere e settimanali a cui è tenuto il tirocinante ( a seconda di quanto previsto dal CCNL applicato dal soggetto ospitante), le indennità, le garanzie assicurative e infine le attività che deve svolgere il tirocinante.

Come per il passato, anche le nuove Linee guida individuano due tutor-responsabili per i tirocini: il tutor del soggetto ospitante e il tutor del soggetto promotore.

Il tirocinante ha diritto ad una indennità che è fissata nel minimo di 300 euro lordi mensili nel caso in cui la presenza e la partecipazione dello stesso abbia superato il 70% delle ore su base mensile. Dal punto di vista fiscale, l’indennità è equiparata a reddito di lavoro dipendente e la percezione non comporta la perdita dello stato di disoccupazione.

Si rivedono poi le sanzioni applicabili in caso di inadempimento;

Ferme le ordinarie sanzioni previste in caso di non corretta qualificazione del rapporto di tirocinio e di omissione delle comunicazioni obbligatorie, regioni e province autonome dovranno prevedere le seguenti misure sanzionatorie:

  • per violazioni non sanabili (tirocinio attivato senza rispetto delle condizioni, ad esempio fuori dalla durata massima o dal numero massimo di tirocinanti ospitanti), intimazione della cessazione del tirocinio e interdizione per 12 mesi dall’attivazione di nuovi tirocini a carico del soggetto promotore e/o a quello ospitante
  • per violazioni sanabili (inadempienze ai compiti richiesti ai soggetti promotori o ospitanti ecc.), invito alla regolarizzazione la cui esecuzione non determinerà sanzioni. In mancanza di regolarizzazione, interdizione per 12 mesi dall’attivazione di nuovi tirocini a carico del soggetto promotore e/o a quello ospitante.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

Le imprese e il Jobs act: così cambia il lavoro. La Spagna da l’esempio su contratti e flessibilità

Il 62% delle imprese italiane ha cambiato le proprie politiche occupazionali, in reazione alle nuove norme del Jobs Act e agli sgravi contributivi sui contratti a tempo indeterminato. È quanto

Tutela del Lavoro Autonomo e Smart working: il disegno di legge

Il Consiglio dei Ministri, nella seduta n. 102 del 28 gennaio 2016, ha approvato un disegno di legge recante misure per la tutela del lavoro autonomo non imprenditoriale e misure

Più collaborazione nei servizi per il lavoro [S.Vergari]

Il persistente divario tra domanda ed offerta di lavoro è il grande problema irrisolto del nostro tessuto socio-economico. Le imprese faticano a trovare le figure professionali richieste, come denunciano in

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento