È obbligatorio il periodo di preavviso, in caso di licenziamento per giustificato motivo oggettivo?

È obbligatorio il periodo di preavviso, in caso di licenziamento per giustificato motivo oggettivo?
image_pdfimage_print

Il lavoratore può essere dispensato dal periodo di preavviso. In questo caso, però, il datore di lavoro è tenuto a corrispondere l’indennità sostitutiva del preavviso che è pari alla retribuzione che avrebbe ricevuto durante tale periodo. Le ricordo, inoltre, che su tale indennità va pagata la relativa contribuzione.

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1254 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Le unioni civili vanno in qualche modo monitorate? Possiamo equipararle ai coniugi o dobbiamo distinguerli?

La norma che ha creato le unioni civili ​(Legge n. 76/2016) ​prevede che in tutte le occasioni (es. leggi, regolamenti e contratti collettivi) ove è presente la parola «coniuge», «coniugi»

È possibile gestire un ex collaboratore a progetto con i voucher ?

Nulla vieta che la collaborazione venga rimodulata attraverso l’utilizzo del Lavoro Accessorio. L’unico limite previsto dalla legislazione, per usufruire di questa tipologia di lavoro, è quello economico: massimo 2.020 euro

Le modifiche alla legge 151/2001 sulla maternità riguardano anche gli affidamenti di bimbi alle famiglie?

Sì, tutte le modifiche e le novità introdotte al decreto legislativo 151/2001 (TU sulla maternità) sono da considerare anche in caso di adozione (nazionale ed internazionale) e di affidamento.

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento