È obbligatorio il periodo di preavviso, in caso di licenziamento per giustificato motivo oggettivo?

È obbligatorio il periodo di preavviso, in caso di licenziamento per giustificato motivo oggettivo?

Il lavoratore può essere dispensato dal periodo di preavviso. In questo caso, però, il datore di lavoro è tenuto a corrispondere l’indennità sostitutiva del preavviso che è pari alla retribuzione che avrebbe ricevuto durante tale periodo. Le ricordo, inoltre, che su tale indennità va pagata la relativa contribuzione.

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1255 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Un dipendente della nostra azienda ha presentato le dimissioni, ha un bimbo di età inferiore ai 3 anni, mi riferisce che la Direzione del Lavoro gli ha dato istruzioni di presentarsi …

Un dipendente della nostra azienda ha presentato le dimissioni, ha un bimbo di età inferiore ai 3 anni, mi riferisce che la Direzione del Lavoro gli ha dato istruzioni di

Ho letto su un giornale che per il 2019 mio marito potrà avere 5 giorni di congedo per la nascita di nostra figlia, mi può spiegare?

Il padre lavoratore dipendente, per l’anno 2019, ha diritto a 5 giorni di congedo obbligatorio da fruire entro i 5 mesi dalla nascita del figlio o dall’ingresso in famiglia o

Ad un artigiano che lavora con noi da anni con un consorzio, vorremmo proporre un contratto a tempo indeterminato. Abbiamo diritto all'esonero contributivo?

Sì, qualora il soggetto non abbia, con il consorzio, un rapporto subordinato a tempo indeterminato, ma abbia una collaborazione autonoma, è possibile l’assunzione con l’esonero contributivo biennale previsto dalla Legge

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento