Come ci si regola se viene chiesto dal lavoratore un permesso per esami?

image_pdfimage_print

Per la risposta occorre avere presenti sia l’art. 10 della legge n. 300/1970 che l’art. 13 della legge n. 845/1978. Tutti i lavoratori che studiano, compresi i c.d. “fuori corso” e quelli che frequentano i corsi professionali hanno diritto ad un giorno di permesso retribuito per sostenere l’esame. Il datore di lavoro deve richiedere all’interessato (che è obbligato), la documentazione dell’avvenuto esame. I permessi spettano anche a studenti privatisti (Cass., 14 agosto 1985, n. 52).

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 458 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Attivare un tirocinio ​in Piemonte con un lavoratore in Naspi (FAQ)

Nel caso in cui attivassimo il tirocinio è possibile erogare l’indennità prevista? Sì, è obbligatorio corrispondere una indennità di partecipazione al tirocinante. Il minimo previsto dalla Regione Piemonte è pari

In un contratto di somministrazione a termine, sono 5 le proroghe massimo previste?

No, questa regola va postulata dalla disposizione contrattuale prevista per le Agenzie per il Lavoro e non dalla normativa di riferimento dei contratti a termine (artt. 19 e ss DLvo

Per sostituire una dipendente che sta andando in maternità devo rispettare il limite del 30%?

Ho letto su un quotidiano che non è più possibile assumere lavoratori a termine in caso di raggiungimento della soglia del 30%, prevista per i contratti a termine e i

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento