Come sono cambiate le sanzioni in materia di appalto dopo il decreto sulle depenalizzazioni?

Come sono cambiate le sanzioni in materia di appalto dopo il decreto sulle depenalizzazioni?
image_pdfimage_print

Questa è una sintesi sulle modifiche, previste dal Decreto depenalizzazione (D.Lgs. n. 8/2016), in materia di appalto:
Ai fini della applicazione delle norme previste dall’articolo 29 del D.Lgs. n. 276/2003, il contratto di appalto, stipulato e regolamentato ai sensi dell’articolo 1655 del codice civile, si distingue dalla somministrazione di lavoro per:

  1. la organizzazione dei mezzi necessari da parte dell’appaltatore, che può anche risultare, in relazione alle esigenze dell’opera o del servizio dedotti in contratto,
  2. dall’esercizio del potere organizzativo e direttivo nei con fronti dei lavoratori utilizzati nell’appalto, da parte dell’appaltatore
  3. per la assunzione, da parte del medesimo appaltatore, del rischio d’impresa.

La nuova sanzione, prevista dall’articolo 1, commi 1 e 6, del D.Lgs. n. 8/2016:
sanzione amministrativa di 50 euro per ogni lavoratore occupato e per ogni giornata di lavoro. La suddetta sanzione non può essere inferiore a 5.000 euro né superiore a 50.000 euro. La sanzione non è diffidabile.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 452 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Come si calcola l’anzianità di effettivo lavoro per la cassa integrazione?

In linea di massima la definizione di “anzianità di effettivo lavoro” per il calcolo dei 90 giorni presso l’unità produttiva, ai fini del trattamento di integrazione salariale ordinario e straordinario

Quali sono i termini e le modalità di presentazione dell’ indennità di disoccupazione da parte di un lavoratore?

  La domanda per il riconoscimento della NASpI deve essere presentata all’INPS, esclusivamente in via telematica, attraverso uno dei seguenti canali: • WEB: servizi telematici accessibili direttamente dal cittadino tramite

Sono obbligato a far fare tutti i giorni di ferie previsti dal ccnl ad un lavoratore?

No, in base ai motivi organizzativi, tecnici e produttivi presenti in azienda, non ha quest’obbligo, in quanto può rimandare parte delle ferie al primo semestre dell’anno successivo. L’obbligo riguarda almeno

4 Commenti

  1. Teresa
    marzo 18, 07:27 Reply

    Chiedo scusa errore nel digitare le lettere. SI parlo di Inps. Lui pur avendo un rapporto di apprendistato e versando i contributi ( trattasi di azienda fin o a nove) pagherà per avere aperto p.iva inps fissi? Non è esonerato? Grazie

    • Roberto
      marzo 18, 08:23 Reply

      La contribuzione a gestione separata non ha nulla a che vedere con la contribuzione da apprendista. Per cui andrà pagata

  2. Roberto
    marzo 17, 21:48 Reply

    Mi scusi, cosa significa “ibps fissi”? se si tratta di “inps”, dovrà pagare a gestione separata in proporzione alle fatture emesse.

  3. Teresa
    marzo 17, 20:59 Reply

    Un apprendista che apre una partita iva ha obbligo di pagare ibps fissi?grazie mille

Lascia un commento