Come sono cambiate le sanzioni in materia di appalto dopo il decreto sulle depenalizzazioni?

Come sono cambiate le sanzioni in materia di appalto dopo il decreto sulle depenalizzazioni?
image_pdfimage_print

Questa è una sintesi sulle modifiche, previste dal Decreto depenalizzazione (D.Lgs. n. 8/2016), in materia di appalto:
Ai fini della applicazione delle norme previste dall’articolo 29 del D.Lgs. n. 276/2003, il contratto di appalto, stipulato e regolamentato ai sensi dell’articolo 1655 del codice civile, si distingue dalla somministrazione di lavoro per:

  1. la organizzazione dei mezzi necessari da parte dell’appaltatore, che può anche risultare, in relazione alle esigenze dell’opera o del servizio dedotti in contratto,
  2. dall’esercizio del potere organizzativo e direttivo nei con fronti dei lavoratori utilizzati nell’appalto, da parte dell’appaltatore
  3. per la assunzione, da parte del medesimo appaltatore, del rischio d’impresa.

La nuova sanzione, prevista dall’articolo 1, commi 1 e 6, del D.Lgs. n. 8/2016:
sanzione amministrativa di 50 euro per ogni lavoratore occupato e per ogni giornata di lavoro. La suddetta sanzione non può essere inferiore a 5.000 euro né superiore a 50.000 euro. La sanzione non è diffidabile.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 466 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Con il nuovo d.l.vo n. 81/2015 devo cambiare anche la modulistica ? Devo prevedere il nuovo riferimento normativo?

Sì, per tutta la modulistica impiegata per i rapporti di lavoro, bisogna cambiare i riferimenti normativi. Ad esempio, in caso di assunzione a termine, si dovrà prevedere nell’oggetto: Assunzione a

In un’azienda con meno di 5 dipendenti è possibile attivare un tirocinio formativo e di orientamento e un tirocinio curriculare in contemporanea? Ovvero per il computo dei limiti si tiene conto dei tirocini curriculari?

Essendo 2 istituti differenti, non può sussistere una sommatoria tra il tirocinio curriculare e quello extracurriculare. Infatti, mentre il tirocinio

Nel caso di licenziamento esiste la possibilità del solo risarcimento economico purché il licenziamento avvenga per motivo soggettivo o oggettivo: cosa si intende in particolare?

Quali casi possono considerarsi validi per un licenziamento? Il nuovo contratto a tutele crescenti prevede la reintegra soltanto in casi limite: licenziamento discriminatorio (o nullo: es. licenziamento durante il periodo

4 Commenti

  1. Teresa
    marzo 18, 07:27 Reply

    Chiedo scusa errore nel digitare le lettere. SI parlo di Inps. Lui pur avendo un rapporto di apprendistato e versando i contributi ( trattasi di azienda fin o a nove) pagherà per avere aperto p.iva inps fissi? Non è esonerato? Grazie

    • Roberto
      marzo 18, 08:23 Reply

      La contribuzione a gestione separata non ha nulla a che vedere con la contribuzione da apprendista. Per cui andrà pagata

  2. Roberto
    marzo 17, 21:48 Reply

    Mi scusi, cosa significa “ibps fissi”? se si tratta di “inps”, dovrà pagare a gestione separata in proporzione alle fatture emesse.

  3. Teresa
    marzo 17, 20:59 Reply

    Un apprendista che apre una partita iva ha obbligo di pagare ibps fissi?grazie mille

Lascia un commento