BOBBA E GOZI, PROGETTO CON FRANCIA PER SERVIZIO CIVILE

image_pdfimage_print

luigibobba“Vogliamo un’Europa della cittadinanza europea, delle opportunità e dei progetti concreti. Per questo, con la Francia, lanciamo un progetto sperimentale per la mobilità dei giovani del servizio civile, basato sulla difesa dei valori europei di libertà e democrazia. E siamo fieri di annunciarlo in occasione di un vertice dedicato alla memoria di Valeria Solesin, la giovane ricercatrice veneziana uccisa al Teatro Bataclan durante gli attacchi terroristici di Parigi dello scorso novembre”. Così il sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega agli Affari europei, Sandro Gozi, annunciando, nell’ambito di un’iniziativa congiunta con il sottosegretario di Stato con delega alle Politiche giovanili e al Servizio Civile, Luigi Bobba, la firma della dichiarazione d’intenti relativa al progetto pilota italo-francese che permetterà a 100 giovani volontari, tra italiani e francesi in servizio civile, di effettuare un’esperienza di mobilità.

Sull' autore

Pietro Riccio
Pietro Riccio 1146 posts

Pietro Riccio, esperto e docente di comunicazione, marketing ed informatica, giornalista pubblicista, scrittore. Direttore Responsabile del quotidiano online Ex Partibus, ha pubblicato l'opera di narrativa "Eternità diverse", editore Vittorio Pironti, e il saggio "L'infinita metafisica corrispondenza degli opposti", Prospero editore.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

SINDACATI: IPOTESI ACCORDO CONTRATTO LAPIDEI

E’ stata firmata l’ipotesi di accordo del contratto nazionale lapidei e materiali estrattivi industria, che interessa 30 mila addetti e, nei prossimi giorni, passerà al vaglio delle assemblee dei lavoratori.

CONFASSOCIAZIONI SU DONNE E LAVORO

“In un mercato del lavoro che ha un forte livello di criticità ed in cui risulta ancora notevolmente elevato il divario di genere, sia in termini occupazionali che salariali, è

INGEGNERI SI’, MA COL POSTO

Ingegnere: professione che ancora piace alle nuove generazioni, non, però, come in passato. I dati sono chiari: il numero degli ingegneri che esercitano la libera professione ha continuato a crescere

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento