ISTAT: MIGLIORA L'OCCUPAZIONE

ISTATMigliora l’occupazione «soprattutto quella a tempo indeterminato, favorita anche dai provvedimenti di sostegno alle assunzioni» dice l’Istat. A gennaio, l’occupazione è tornata a crescere di 3 decimi di punto (+70 mila occupati), dopo il calo registrato a dicembre (-0,2%). L’incremento si deve interamente ai dipendenti (+0,4%), in particolare a quelli a tempo indeterminato (+0,7%, pari a +99 mila individui), a fronte di un calo dei dipendenti a termine (-1,2%, -28 mila occupati) e ad una sostanziale stabilità degli indipendenti. Per le imprese italiane, dunque, gli sgravi contributivi introdotti con la Legge di stabilità hanno rappresentato uno stimolo ad assumere più importante del contratto a tutele crescenti contenuto nel Jobs Act.

Sull' autore

Pietro Riccio
Pietro Riccio 1146 posts

Pietro Riccio, esperto e docente di comunicazione, marketing ed informatica, giornalista pubblicista, scrittore. Direttore Responsabile del quotidiano online Ex Partibus, ha pubblicato l'opera di narrativa "Eternità diverse", editore Vittorio Pironti, e il saggio "L'infinita metafisica corrispondenza degli opposti", Prospero editore.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

LAVORO E WHITE ECONOMY

Nella filiera delle attività, pubbliche e private, riconducibili alla cura e al benessere delle persone, detta White Economy, sono 3 milioni e 800 mila gli addetti che operano in maniera

TRASFERIMENTI PER LAVORO

La ricerca di lavoro fa aumentare e modificare gli spostamenti all’interno dell’Italia. Sono un milione 360 mila le persone che si sono trasferite dalle proprie residenze originarie in cerca di

RENZI SU TASSE

“Domani è un giorno che non è apprezzato dagli italiani: scadono alcune tasse. Tra queste ce n’è una che non si paga più per chi ha prima casa soltanto. Domani si

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento