La procedura collettiva di riduzione di personale si applica al settore delle costruzioni edili ?

image_pdfimage_print

La risposta è negativa nel senso che la procedura non trova applicazione nel caso di fine lavoro o fine cantiere o anche nell’esaurimento di una singola fase di lavoro che abbia richiesto l’apporto di specifiche professionalità che non possono essere utilizzate successivamente. Tale principio non trova applicazione allorquando la lavorazione non sia ultimata ma sia in corso di esaurimento ed occorra individuare, tra i dipendenti addetti al cantiere, quali licenziare.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 479 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Ci sono limiti di conservazione delle immagini provenienti da telecamere aziendali?

La disciplina sulla privacy stabilisce che la conservazione delle informazioni non deve  superare il periodo di tempo necessario agli scopi per le quali sono state raccolte o successivamente trattate. In

L’ispettorato del lavoro in data 24/07/2015 ha verbalizzato un lavoratore a nero immediatamente regolarizzato con unilav è possibile dopo la regolarizzazione godere della legge 190/2014?

No, in quanto l’esonero contributivo può essere richiesto esclusivamente nel caso in cui l’assunzione avvenga senza alcun obbligo normativo o contrattuale. In questo caso, a monte dell’assunzione del lavoratore, vi

Con l’abrogazione del decreto legislativo 368/2001 sui contratti a termine e l’introduzione del decreto legislativo 81/2015, è sparito l’articolo 2 sui contratti a termine nel settore del trasporto aereo ed i servizi aeroportuali ?

L’articolo 2 del decreto legislativo  368/2001 rimarrà in vigore sino al 31 dicembre 2016. Ciò è previsto dall’art. 55, comma 2, del nuovo decreto legislativo n. 81/2015.

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento