INFOJOBS, DATI SU SMART WORKING

image_pdfimage_print

appaltiSolamente il 28,5% delle aziende ha in programma l’implementazione di politiche di smart working nei prossimi 3 anni, percentuale che scende all’11,8% se si parla di un arco temporale di 5 anni. E’ quanto emerge da un’indagine condotta da InfoJobs, principale realtà italiana nel settore del recruiting online per numero di offerte di lavoro, traffico Internet e numero di cv in database, che ha analizzato la prospettiva immediata per lo smart working nelle aziende italiane.

Sull' autore

Pietro Riccio
Pietro Riccio 1146 posts

Pietro Riccio, esperto e docente di comunicazione, marketing ed informatica, giornalista pubblicista, scrittore. Direttore Responsabile del quotidiano online Ex Partibus, ha pubblicato l'opera di narrativa "Eternità diverse", editore Vittorio Pironti, e il saggio "L'infinita metafisica corrispondenza degli opposti", Prospero editore.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

CONFCOOPERATIVE SU CONTI PUBBLICI

“Debito pubblico, meno sprechi più sussidiarietà. La revisione della spesa pubblica è una delle leve sulle quali possiamo agire”. Con queste parole il presidente di Confcooperative Maurizio Gardini incita “il

COSTO DEL LAVORO

Bene il taglio annunciato su Tasi e Imu, ma per le imprese meccaniche la priorità resta quella di una vigorosa sforbiciata al costo del lavoro e alla tassazione  che grava

ERASMUS+ RIDUCE LA DISOCCUPAZIONE

Erasmus Plus coinvolgerà 4 milioni di persone tra studenti, docenti, personale universitario e neolaureati, provenienti da 33 Paesi diversi, ridurrà la disoccupazione e contribuirà alla costruzione di un’identità europea. Per

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento