LA PROTESTA DEGLI AGENTI DI POLIZIA LOCALE

image_pdfimage_print

polizia-localePiù competenze, meno salario a fronte di un organico sempre più ridotto. Nessun riconoscimento di ruolo e contratto bloccato. Gli agenti della Polizia locale hanno detto basta e ieri si sono presentati davanti alla Camera per chiedere il rispetto dei diritti e il riconoscimento dei compiti che ogni giorno svolgono per i cittadini, a partire dalla difesa della legalità e della sicurezza sul territorio. Al centro della manifestazione – organizzata Fp-Cgil, Cisl-Fp, Uil-Fpl e alla quale hanno partecipano oltre tantissimi agenti da tutta Italia – la richiesta, rimasta fino ad ora inascoltata, di riformare la legge del 1986 che regola il lavoro degli oltre 60 mila operatori di Polizia Locale.

Sull' autore

Pietro Riccio
Pietro Riccio 1146 posts

Pietro Riccio, esperto e docente di comunicazione, marketing ed informatica, giornalista pubblicista, scrittore. Direttore Responsabile del quotidiano online Ex Partibus, ha pubblicato l'opera di narrativa "Eternità diverse", editore Vittorio Pironti, e il saggio "L'infinita metafisica corrispondenza degli opposti", Prospero editore.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

ASSOLAVORO: NEL 2015 OLTRE 20MILA NUOVI ASSUNTI A TEMPO INDETERMINATO NELLE AGENZIE

Sono oltre 20mila i nuovi assunti a tempo indeterminato tramite agenzie per il lavoro nel corso del 2015. Dai 15.815 del dicembre 2014, infatti, si passa ai 36.934 di dodici

S&P, CRESCITA LENTA

L‘economia italiana sta finalmente uscendo dalla recessione dopo 3 anni e mezzo di contrazione. Tuttavia, è probabile che la ripresa sia tiepida a causa della bassa crescita dei salari e

Ragioneria dello Stato: pensione a 67 anni o a rischio il sistema

La Ragioneria dello Stato mostra una certa inquietudine rispetto allo stop dell’aumento dell’età pensionabile. Secondo un rapporto sulle tendenze di medio-lungo periodo del sistema si rischia il crac. Nel rapporto

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento