Qual è il costo di un licenziamento per giustificato motivo oggettivo di un rapporto a T.I. a tutela crescente dopo un anno di lavoro ?

Qual è il costo di un licenziamento per giustificato motivo oggettivo di un rapporto a T.I. a tutela crescente dopo un anno di lavoro ?
image_pdfimage_print

 
Salvo quanto non diversamente previsto da un eventuale accordo conciliativo ovvero nel caso in cui il giudice non ravvisi un licenziamento discriminatorio, il costo massimo è pari a 4 mensilità dell’ultima retribuzione di riferimento a fini TFR, più 490 euro (circa) di c.d. ticket licenziamento.
Qualora si riuscisse a trovare una soluzione conciliativa, il costo sarà pari a 2 mensilità dell’ultima retribuzione di riferimento a fini TFR.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 452 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Ho terminato un contratto di lavoro a tempo determinato, è possibile fare domanda di disoccupazione con requisiti ridotti ? Quali sono i tempi e i requisiti per la richiesta della domanda ?

La Mini-Aspi (entrata in vigore il 01-01-2013 con l’approvazione della riforma del lavoro Fornero) è una prestazione a sostegno del reddito che sostituisce l’indennità di disoccupazione non agricola con requisiti

Se una persona, iscritta nelle liste di mobilità, lavora con contratto a termine 12 mesi e poi successivamente viene confermata a tempo indeterminato entro il 2015, l’azienda, oltre ad avere lo sgravio per i successivi 12 mesi gode anche delle agevolazioni degli 8mila euro per 3 anni ?

In relazione agli incentivi per l’assunzione di lavoratori iscritti nelle liste di mobilità ex art. 6 della legge n. 223/1991, risulta cumulabile con l’esonero contributivo esclusivamente il contributo di cui

È vero che il Ministro del Lavoro ha previsto dei controlli per chi ha assunto dei lavoratori con l’incentivo del jobs act?

Il Ministero del Lavoro ha notato alcuni comportamenti fraudolenti circa l’utilizzo improprio dell’esonero contributivo triennale previsto dalla Legge di Stabilità 2015 ed ha scritto ai propri ispettori (lettera circolare n.

2 Commenti

  1. Roberto
    febbraio 22, 11:42 Reply

    Se il suo dubbio riguarda l’esonero contributivo previsto dalla Legge di Stabilità 2016 (legge n. 208/2015), vada pure tranquilla, in quanto il contratto intermittente non è considerato rapporto di lavoro stabile (v. inps e min.Lavoro) per cui è un contratto agevolabile.

  2. TERESA
    febbraio 18, 11:59 Reply

    Dovrei procedere con l’assunzione di un rapporto a tempo indeteminato di un pensionato che però nei sei mesi precedenti aveva un rapporto di lavoro intermittente a tempo indeterminato. Posso procedere? Grazie mille
    Teresa

Lascia un commento