Qual è il costo di un licenziamento per giustificato motivo oggettivo di un rapporto a T.I. a tutela crescente dopo un anno di lavoro ?

Qual è il costo di un licenziamento per giustificato motivo oggettivo di un rapporto a T.I. a tutela crescente dopo un anno di lavoro ?

 
Salvo quanto non diversamente previsto da un eventuale accordo conciliativo ovvero nel caso in cui il giudice non ravvisi un licenziamento discriminatorio, il costo massimo è pari a 4 mensilità dell’ultima retribuzione di riferimento a fini TFR, più 490 euro (circa) di c.d. ticket licenziamento.
Qualora si riuscisse a trovare una soluzione conciliativa, il costo sarà pari a 2 mensilità dell’ultima retribuzione di riferimento a fini TFR.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 590 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Possiamo applicare al premio di risultato le disposizioni che evidenziano la completa detassazione e decontribuzione del premio stesso?

La detassazione e la decontribuzione potranno avvenire qualora il CCAL preveda la sostituzione del premio di risultato attraverso un piano welfare. Le caratteristiche del premio di risultato dovranno seguire le

Ho installato un software per monitorare le email che non riguardano l’attività lavorativa. Devo richiedere l’autorizzazione all’ispettorato del lavoro o, con le nuove regole, sono esentato?

A mio avviso, l’installazione del software per verificare la provenienza e l’invio di email che non riguardano l’attività lavorativa,  è subordinata ad accordo sindacale o all’autorizzazione della Direzione del Lavoro.

Se ad un dipendente iscritto nelle liste di mobilità con regolare assegno viene attivato uno stage di inserimento, può continuare a percepirlo, restando iscritto?

Nessun problema ad instaurare un rapporto di tirocinio di inserimento, in quanto non essendo un rapporto di lavoro non viene considerata l’indennità di partecipazione ai fini dell’assegno mobilità.

2 Commenti

  1. Roberto
    Febbraio 22, 11:42 Reply

    Se il suo dubbio riguarda l’esonero contributivo previsto dalla Legge di Stabilità 2016 (legge n. 208/2015), vada pure tranquilla, in quanto il contratto intermittente non è considerato rapporto di lavoro stabile (v. inps e min.Lavoro) per cui è un contratto agevolabile.

  2. TERESA
    Febbraio 18, 11:59 Reply

    Dovrei procedere con l’assunzione di un rapporto a tempo indeteminato di un pensionato che però nei sei mesi precedenti aveva un rapporto di lavoro intermittente a tempo indeterminato. Posso procedere? Grazie mille
    Teresa

Lascia un commento