Qual è il costo di un licenziamento per giustificato motivo oggettivo di un rapporto a T.I. a tutela crescente dopo un anno di lavoro ?

Qual è il costo di un licenziamento per giustificato motivo oggettivo di un rapporto a T.I. a tutela crescente dopo un anno di lavoro ?
image_pdfimage_print

 
Salvo quanto non diversamente previsto da un eventuale accordo conciliativo ovvero nel caso in cui il giudice non ravvisi un licenziamento discriminatorio, il costo massimo è pari a 4 mensilità dell’ultima retribuzione di riferimento a fini TFR, più 490 euro (circa) di c.d. ticket licenziamento.
Qualora si riuscisse a trovare una soluzione conciliativa, il costo sarà pari a 2 mensilità dell’ultima retribuzione di riferimento a fini TFR.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 466 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Stabilizzazione ex collaboratore: la Direzione del lavoro non ha accettato il verbale in quanto vuole la lettera di assunzione del lavoratore a tempo indeterminato

Nella norma che prevede la stabilizzazione di ex collaboratori (art. 54 del D.L.vo 81/2015), non viene prevista la compilazione, prima dell’accordo conciliativo, della lettera di assunzione. Detto questo, è buona

Mi hanno detto che esiste una indennità di disoccupazione anche per gli autonomi, è possibile avere qualche riferimento in materia?

Probabilmente si riferisce alla DIS-COLL. Si tratta di una indennità di disoccupazione che spetta ai collaboratori coordinati e continuativi, anche a progetto, che hanno perso involontariamente l’occupazione dal 1° gennaio

Il limite dei 3.000 euro netti (vouchers) per i soggetti che percepiscono un’indennità di sostegno al reddito è da intendersi globale. Non c’è un limite di 2.000 euro netti per committente o sbaglio??

Rimane il limite di € 2000 per committente imprenditore o professionista. Qualora la persona vado a lavorare da un privato, esempio come babysitter, può prestare lavoro accessorio per un massimo

2 Commenti

  1. Roberto
    febbraio 22, 11:42 Reply

    Se il suo dubbio riguarda l’esonero contributivo previsto dalla Legge di Stabilità 2016 (legge n. 208/2015), vada pure tranquilla, in quanto il contratto intermittente non è considerato rapporto di lavoro stabile (v. inps e min.Lavoro) per cui è un contratto agevolabile.

  2. TERESA
    febbraio 18, 11:59 Reply

    Dovrei procedere con l’assunzione di un rapporto a tempo indeteminato di un pensionato che però nei sei mesi precedenti aveva un rapporto di lavoro intermittente a tempo indeterminato. Posso procedere? Grazie mille
    Teresa

Lascia un commento