fbpx

Qual è il costo di un licenziamento per giustificato motivo oggettivo di un rapporto a T.I. a tutela crescente dopo un anno di lavoro ?

Qual è il costo di un licenziamento per giustificato motivo oggettivo di un rapporto a T.I. a tutela crescente dopo un anno di lavoro ?

 
Salvo quanto non diversamente previsto da un eventuale accordo conciliativo ovvero nel caso in cui il giudice non ravvisi un licenziamento discriminatorio, il costo massimo è pari a 4 mensilità dell’ultima retribuzione di riferimento a fini TFR, più 490 euro (circa) di c.d. ticket licenziamento.
Qualora si riuscisse a trovare una soluzione conciliativa, il costo sarà pari a 2 mensilità dell’ultima retribuzione di riferimento a fini TFR.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 680 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Dobbiamo mandare, per un breve periodo, in distacco un lavoratore per un interesse della nostra azienda. Dobbiamo richiedere l’autorizzazione del lavoratore?

E’ buona norma che l’azienda sottoponga al lavoratore una lettera che evidenzi i motivi del distacco e che venga sottoscritta per accettazione da quest’ultimo. Ci sono solo 2 avvertenze da seguire:

Ho intenzione di stipulare un accordo di smart-working con un lavoratore con i presupposti previsti dal DDL 2233-B, approvato il 10.05.2017. Posso farlo?

Accordo di smart-working con un lavoratore con i presupposti previsti dal DDL 2233-B, approvato definitivamente dal Parlamento il 10.05.2017. La norma non è stata ancora pubblicata in Gazzetta ufficiale e

Ho un contratto a tempo determinato senza causale di 12 mesi in scadenza, posso prorogarlo con causale sostituzione?

Prudentemente è il caso di procedere con un rinnovo, anche in considerazione delle peculiarità insite al contratto sostitutivo: •       no erogazione della contribuzione maggiorata (1,4% e 0,50%),

2 Commenti

  1. Roberto
    Febbraio 22, 11:42 Reply

    Se il suo dubbio riguarda l’esonero contributivo previsto dalla Legge di Stabilità 2016 (legge n. 208/2015), vada pure tranquilla, in quanto il contratto intermittente non è considerato rapporto di lavoro stabile (v. inps e min.Lavoro) per cui è un contratto agevolabile.

  2. TERESA
    Febbraio 18, 11:59 Reply

    Dovrei procedere con l’assunzione di un rapporto a tempo indeteminato di un pensionato che però nei sei mesi precedenti aveva un rapporto di lavoro intermittente a tempo indeterminato. Posso procedere? Grazie mille
    Teresa

Lascia un commento

Indirizzo E-mail già esistente.