È vero che hanno abrogato il lavoro a chiamata con l’ultimo jobs act?

È vero che hanno abrogato il lavoro a chiamata con l’ultimo jobs act?

 
I contratti abrogati dal testo di riordino delle tipologie contrattuali di lavoro sono: il contratto ripartito (job sharing), l’associazione in partecipazione ed il contratto a progetto (rivisto nei termini di collaborazione coordinata e continuativa).
Il contratto intermittente ( lavoro a chiamata ) è vigente con le regole previste dagli articoli 13 e ss del decreto legislativo n. 81/2015.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 496 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Con il consenso del lavoratore, ho intenzione di cedere il contratto di lavoro ad un’altra azienda. Quale è la procedura di base?

La cessione di un contratto di lavoro è disciplinata dall’art. 1406 del codice civile. La procedura può essere così sintetizzata: Sottoscrivere un accordo tra le parti che vada a definire

Stabilizzazione ex collaboratore: la Direzione del lavoro non ha accettato il verbale in quanto vuole la lettera di assunzione del lavoratore a tempo indeterminato

Nella norma che prevede la stabilizzazione di ex collaboratori (art. 54 del D.L.vo 81/2015), non viene prevista la compilazione, prima dell’accordo conciliativo, della lettera di assunzione. Detto questo, è buona

Vorrei assumere un lavoratore che nel frattempo sta operando all’interno dell’azienda quale co.co.co. posso avere 2 rapporti di lavoro differenti contemporaneamente sulla stessa persona?

Ritengo che non sia il caso di costituire due rapporti di lavoro differenti (autonomo e subordinato) per lo stesso lavoratore nello stesso periodo di tempo. Ciò potrebbe essere valutato, in

3 Commenti

  1. Teresa
    Febbraio 14, 17:22 Reply

    Buonasera i collaboratori familiari che prestano attività per un periodo non superiore ai 90 giorni ai fini dell’autoliquidazione inail pagano il premio per intero o dovrà essere riproporzionato ai 90 giorni? Grazie mille

    • Roberto
      Febbraio 15, 14:40 Reply

      A mio avviso, per intero. Comunque, è opportuno che il quesito venga inviato all’Inail.

      • maria elisena gatto
        Febbraio 15, 17:20 Reply

        l’inail , per una azienda da me assistita, ha previsto una “collaborazione occasionale autonoma”, con una retribuzione presunta equivalente alle giornate effettivamente lavorate dal collaboratore familiare e ha preteso il premio esclusivamente su quelle retribuzioni. Si trattava di madre del titolare e l’inail ha presunto che questa lavorasse gratuitamente per il figlio

Lascia un commento