È vero che hanno abrogato il lavoro a chiamata con l’ultimo jobs act?

È vero che hanno abrogato il lavoro a chiamata con l’ultimo jobs act?
image_pdfimage_print

 
I contratti abrogati dal testo di riordino delle tipologie contrattuali di lavoro sono: il contratto ripartito (job sharing), l’associazione in partecipazione ed il contratto a progetto (rivisto nei termini di collaborazione coordinata e continuativa).
Il contratto intermittente ( lavoro a chiamata ) è vigente con le regole previste dagli articoli 13 e ss del decreto legislativo n. 81/2015.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 450 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

E’ possibile assumere una persona in sostituzione di una lavoratrice che dovrà andare in maternità, prima dell’inizio della maternità stessa?

Sì, è possibile iniziare un rapporto a tempo determinato in sostituzione di una lavoratrice madre anticipatamente rispetto al congedo di maternità. L’art. 4 del TU sulla maternità, infatti, prevede la

Può un’azienda che applica il CCNL Metalmeccanica, consentire solo 5,30H ore di lavoro supplementare?

  Riportiamo una testimonianza: Nel 2008 la direzione risorse umane di un’azienda che applica il CCNL Metalmeccanica ha inviato una email di chiarimenti e indicazioni circa l’orario di lavoro del

Ho problemi se passo da una collaborazione con partita IVA, ad una nella forma co.co.co.?

  La soluzione ottimale sarebbe l’assunzione con un rapporto di lavoro a tempo indeterminato (entro il 31 dicembre vige l’esonero contributivo biennale). Le alternative possono creare criticità, soprattutto nei rapporti

3 Commenti

  1. Teresa
    febbraio 14, 17:22 Reply

    Buonasera i collaboratori familiari che prestano attività per un periodo non superiore ai 90 giorni ai fini dell’autoliquidazione inail pagano il premio per intero o dovrà essere riproporzionato ai 90 giorni? Grazie mille

    • Roberto
      febbraio 15, 14:40 Reply

      A mio avviso, per intero. Comunque, è opportuno che il quesito venga inviato all’Inail.

      • maria elisena gatto
        febbraio 15, 17:20 Reply

        l’inail , per una azienda da me assistita, ha previsto una “collaborazione occasionale autonoma”, con una retribuzione presunta equivalente alle giornate effettivamente lavorate dal collaboratore familiare e ha preteso il premio esclusivamente su quelle retribuzioni. Si trattava di madre del titolare e l’inail ha presunto che questa lavorasse gratuitamente per il figlio

Lascia un commento