SLC CGIL: "'PROFESSIONE MUSICISTA' A RISCHIO IN ITALIA"

image_pdfimage_print

cgil“Lavorare nella musica in Italia vuol dire lavorare senza diritti tutele, ad esclusione delle orchestre sinfoniche e delle Fondazioni sinfoniche. E adesso con l’introduzione dei voucher è a rischio proprio la possibilità di continuare a fare il lavoro di musicista. Ci sono intere attività in questo settore che stanno morendo senza fare rumore. In occasione del Festival di Sanremo, è il caso di ribadire questa situazione: il lavoro di musicista è a rischio in Italia”. E’ duro l’allarme che lancia Emanuela Bizi, segretario nazionale di Slc Cgil, che, con Labitalia, parla della condizione lavorativa dei musicisti italiani in occasione del Festival di Sanremo.

Sull' autore

Pietro Riccio
Pietro Riccio 1146 posts

Pietro Riccio, esperto e docente di comunicazione, marketing ed informatica, giornalista pubblicista, scrittore. Direttore Responsabile del quotidiano online Ex Partibus, ha pubblicato l'opera di narrativa "Eternità diverse", editore Vittorio Pironti, e il saggio "L'infinita metafisica corrispondenza degli opposti", Prospero editore.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Cellulari aziendali: secondo l’Agenzia delle Entrate i rimborsi vanno tassati

All’ interpello di un gruppo bancario sul rimborso delle spese per i telefoni cellulari aziendali, l’Agenzia delle Entrate ha risposto con la risoluzione n°74/E dichiarando che i rimborsi delle spese

Pensioni, Governo: cambia il sistema per calcolare l’età

Cambia il modo di calcolare l’età per la pensione di vecchiaia. Subirà un allungamento, come oggi, in base alla speranza di vita, ma subirà anche una diminuzione nel caso di

CONSULENTI DEL LAVORO, SENZA ART. 18 IN PA RISPARMI PER 1 MLD

La Fondazione Studi del Consiglio nazionale dei consulenti del lavoro, in un articolo pubblicato sul ‘Corriere della Sera’, ha analizzato i flussi dell’anno 2014 in base alle comunicazioni obbligatorie diffuse

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento