SLC CGIL: “‘PROFESSIONE MUSICISTA’ A RISCHIO IN ITALIA”

cgil“Lavorare nella musica in Italia vuol dire lavorare senza diritti tutele, ad esclusione delle orchestre sinfoniche e delle Fondazioni sinfoniche. E adesso con l’introduzione dei voucher è a rischio proprio la possibilità di continuare a fare il lavoro di musicista. Ci sono intere attività in questo settore che stanno morendo senza fare rumore. In occasione del Festival di Sanremo, è il caso di ribadire questa situazione: il lavoro di musicista è a rischio in Italia”. E’ duro l’allarme che lancia Emanuela Bizi, segretario nazionale di Slc Cgil, che, con Labitalia, parla della condizione lavorativa dei musicisti italiani in occasione del Festival di Sanremo.

PrintFriendlyPrintEmailWhatsAppOutlook.comGoogle GmailYahoo Mail
Pietro Riccio

A cura di : Pietro Riccio

Pietro Riccio, esperto e docente di comunicazione, marketing ed informatica, giornalista pubblicista, scrittore. Direttore Responsabile del quotidiano online Ex Partibus, ha pubblicato l'opera di narrativa "Eternità diverse", editore Vittorio Pironti, e il saggio "L'infinita metafisica corrispondenza degli opposti", Prospero editore.

Potrebbero interessarti anche:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top

Resta aggiornato !
Iscriviti alla NEWSLETTER #jol

Il servizio è gratuito e prevede l’invio di:

Si prega di attendere ...

Terms (+)  |  Privacy (+) | Contatti (+)