SLC CGIL: "'PROFESSIONE MUSICISTA' A RISCHIO IN ITALIA"

image_pdfimage_print

cgil“Lavorare nella musica in Italia vuol dire lavorare senza diritti tutele, ad esclusione delle orchestre sinfoniche e delle Fondazioni sinfoniche. E adesso con l’introduzione dei voucher è a rischio proprio la possibilità di continuare a fare il lavoro di musicista. Ci sono intere attività in questo settore che stanno morendo senza fare rumore. In occasione del Festival di Sanremo, è il caso di ribadire questa situazione: il lavoro di musicista è a rischio in Italia”. E’ duro l’allarme che lancia Emanuela Bizi, segretario nazionale di Slc Cgil, che, con Labitalia, parla della condizione lavorativa dei musicisti italiani in occasione del Festival di Sanremo.

Sull' autore

Pietro Riccio
Pietro Riccio 1146 posts

Pietro Riccio, esperto e docente di comunicazione, marketing ed informatica, giornalista pubblicista, scrittore. Direttore Responsabile del quotidiano online Ex Partibus, ha pubblicato l'opera di narrativa "Eternità diverse", editore Vittorio Pironti, e il saggio "L'infinita metafisica corrispondenza degli opposti", Prospero editore.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

FERROVIE DELLO STATO SELEZIONANO NEOLAUREATI IN INGEGNERIA

Le Ferrovie dello Stato offrono lavoro a candidati laureati in Ingegneria Elettrica, Meccanica, Elettronica o delle Telecomunicazioni; la laurea deve essere stata conseguita con un voto non inferiore a 100/110.

PROPOSTA ASSOLAVORO

Estendere alle agenzie per il lavoro la possibilità di aderire alla “Rete del lavoro agricolo di qualità”. E’ una delle proposte di Assolavoro, l’Associazione nazionale delle agenzie per il lavoro, in

Istat disoccupazione si attesta all’11,3%

Secondo i dati Istat, dopo circa otto mesi con un trend positivo, Maggio è stato il primo mese in cui si è avuto una flessione della percentuale degli occupati. L’istituto

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento